Barletta, intitolato a Pietro Mennea Istituto Comprensivo: il video della cerimonia

0
4348

In memoria del campione olimpico Pietro Mennea è stato inaugurato ieri sera a Barletta il secondo Istituto comprensivo della città. Come simbolo dell’impegno sportivo a cui Pietro Mennea ha dedicato tutta la sua vita, l’ultimo atleta tedoforo barlettano Mimmo Ricatti e l’amico di gioventù di Mennea, Savino Albanese, hanno acceso il tripode sulle note dell’ Inno Nazionale.

Durante la cerimonia, si è ricordato il marzo 2011, data in cui Pietro Mennea incontrava i bambini e i ragazzi della “San Domenico Savio”, incontro nel quale emerse ancora una volta l’attenzione e la dedizione che aveva l’atleta barlettano nel divulgare insegnamenti, come una sorta di testamento spirituale con un alto valore educativo e pedagogico. Un uomo del Sud che con sacrifico, coraggio, tenacia e perseveranza è riuscito a raggiungere e realizzare i suoi sogni, questo è il messaggio che Pietro Mennea lanciava, il suo insegnamento per tutti.

L’istituto comprensivo Pietro Mennea, include 4 scuole: la scuola dell’infanzia “C.M. Giulini”, la scuola primaria “G. Rodari” , la scuola primaria “San Domenico Savio” e la scuola sec. di 1° grado “Rita Levi Montalcini”. Alunni e genitori dei quattro plessi si sono riuniti insieme alle figure istituzionali per una grande festa, come sottofondo musicale il delizioso coro dell’istiuto, diretto dall’ ins. Maria Teresa Nesta.

Un’intitolazione fortemente voluta dall’ex dirigente Carmine Cistallo e perseguita da Antonio Catapano attuale Dirigente scolastico che ha ricordato lo slogan di Pietro Mennea, come monito da tenere sempre vivo in ognuno di noi:” Vincere significa rispettare le regole e noi come comunità educante dobbiamo far si che le regole vanno rispettate”.

Al termine della cerimonia, presentata da Floriana Tolve, è stato scoperto un quadro, realizzato da un altro talento della nostra terra Raffaele Matteucci, artista di soli 28 anni che, come ha detto la giornalista Tolve, “è un po’ schivo nell’apparire in pubblico” ma  ha descritto in un lettera ciò che rappresenta il quadro donato all’Istituto comprensivo:” Nel quadro sono raffigurati i tre momenti di una gara, che ci ricordano la gara quotidiana della vita. Per i ragazzi la gara dello studio e della preparazione alla vita. La vittoria – scrive Raffaele- non è scontata, Pietro non ha sempre vinto, ma sono proprio le sconfitte che devono essere nuovo impulso per correggere ciò che non va”. Il quadro  sarà collocato nell’atrio della scuola, per ricordare a tutti gli alti valori e sacrifici della vita portati avanti da Pietro Mennea e da tutti i giusti atleti nel mondo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here