Ancora Mazzeo, e il Barletta acciuffa il pareggio: 2-2 con la Virtus Lanciano

0
289

Cominciano forte gli abruzzesi. Il modulo prescelto dal tecnico è il 4-3-3. Per affrontare il Barletta, diretta concorrente nella lotta per un posto playoff, Mister Gautieri si affida all’estro di Chiricò e Turchi. I due giocano larghi in avanti a sostegno di Pavoletti.

Marco Cari risponde col il classico 4-2-3-1. Mazzarani gioca sin dal primo minuto. Pisani – Migliaccio è la coppia centrale. Di Cecco e Zappacosta si posizionano davanti alla difesa. A centrocampo più avanzati si schierano Schetter, Cerone e Franchini. In attacco spazio a Mazzeo, unica punta.

Primo affondo offensivo degli ospiti e prima rete del match. E’ il 28′ quando Chiricò mette a segno la marcatura del vantaggio abruzzese. Il numero 7 supera la difesa biancorossa in slalom e dribbla anche l’estremo difensore Pane. A porta vuota, col piatto, deposita in fondo al sacco. Incontenibile la gioia del talentuoso esterno del Lanciano.

La reazione del Barletta non si fa attendere. Due minuti più tardi Massoni commette fallo su Schetter e per il direttore di gara non vi è alcun dubbio: calcio di rigore. Sul punto di battuta si porta Cerone, che al minuto numero 30 fallisce clamorosamente.

Sul punteggio di uno a zero per gli ospiti, è ancora il Lanciano a rendersi pericoloso grazie ad una bruciante ripartenza. Turchi sfrutta un buco centrale nella difesa del Barletta e vi si incunea. Chiricò si allarga sulla destra e viene servito puntualmente, ma la sua conclusione finisce sull’esterno della rete. L’ultima emozione della prima frazione arriva al 44′ e porta la firma di Mammarella. Questi ci prova su punizione dal limite dell’area: palla alta sopra la la traversa.

In avvio di ripresa, il raddoppio dei frentani. Traversone di Chiricò, difesa biancorossa completamente ferma e colpo di testa di Pavoletti che finisce in goal. Sembra tutto facile per Volpe e compagni.

Ma i pugliesi non si danno per vinti. Sei minuti dopo, infatti, arriva la rete di Fabio Mazzeo che accorcia le distanze e riapre il match. Il goal giunge grazie ad un passaggio in profondità per l’attaccante biancorosso, che è bravo a liberarsi del suo marcatore e a beffare l’estremo difensore Aridità con un rasoterra perfetto.

Cambia completamente il volto dell’incontro. I padroni di casa provano a riacciuffare il pareggio e danno qualche grattacapo alla retroguardia del Lanciano sugli sviluppi di un calcio di punizione. Al 60′, infatti, Mazzeo disegna una parabola insidiosa, la sfera viene deviata e si impenna. Ma gli abruzzesi sono bravi a mettere fuori.

Il tanto atteso pareggio arriva alla mezz’ora del secondo tempo, proprio mentre il Lanciano sembrava poter reggere gli attacchi barlettani. Ancora una volta la rete porta la firma di Mazzeo. Romondini tira verso la porta: palla ribattuta. Mazzeo è il più lesto di tutti, si avventa sulla sfera e di prima intenzione tira col sinistro trovando la via del pareggio.

Una volta ristabilita la parità, accade poco o nulla prima che il direttore di gara decreti la fine delle ostilità.

 

BARLETTA (4-2-3-1) Pane, 5; Mazzarani 6, Pisani 6, Migliaccio 5, Pelagias 5 (dall’11’ s.t. Masiero 5,5); Di Cecco 6, Zappacosta 5,5 (dall’11’ s.t. Romondini 6,5); Schetter 6,5, Cerone 5(dal 1’ s.t. Infantino 6), Franchini 7; Mazzeo 6,5. (Marino, Hanine, Menicozzo, Minieri). All. Cari

LANCIANO (4-3-3) Aridità 5,5; Aquilanti 6, Massoni 5,5, Amenta 5,5 (dal 22’ p.t. Rosania 6), Mammarella 6; Vastola 6(dal 22’ s.t. Novinic s.v.), Capece 6,5, Volpe 6; Chiricò 7,5, Pavoletti 7, Turchi 6,5(dal 46’ s.t. Margarita s.v.). (Amabile, Scrosta, Verna, Zeytulaev). All. Gautieri MARCATORI Chiricò (L) al 29’ p.t.; Pavoletti (L) al 4’, Mazzeo (B) al 10’ e al 29’ s.t. ARBITRO Aureliano di Bologna NOTE spettatori 2000 circa, incasso non comunicato. Ammoniti Mammarella, Amenta, Mazzarani, Infantino, Massoni, Mazzeo. Angoli 5-3.

Foto: www.ssbarletta.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here