New Axia volley Barletta, male la prima: “Delfine” sconfitte 3-2 a Cassano Murge

0
638

Nel primo set, mister Porcelluzzi aveva proposto nel sestetto iniziale la Grumo e il capitano Mastrototaro quali martelli ricevitori, la Castiglione in regia, con Giusy Dipace e Luana Lavecchia centrali, Marina Miccolis nel ruolo di opposto e Miria Napoletano come libero. Nel corso della gara facevano il proprio ingresso sul parquet di gioco Luisa Dicuonzo, Mariantonietta Adesso e Lidia Bracco.

Sin dalle prime battute di gara la New Axia volley era partita a spron battuto per mettere il proprio timbro sul match, portandosi addirittura avanti di otto punti, per poi subire la rimonta delle ragazze della V.2000 Acquaviva/Cassano che conquistavano il set con il punteggio di 26-24. Il 25-16 del secondo set era frutto della veemente reazione delle “delfine”. Una luce nel deserto, considerando l’andamento del terzo set, conquistato in scioltezza dalla V.2000 Acquaviva/Cassano; nella quarta frazione di gara, grazie alle giocate di Giusi Grumo, Marina Miccolis e Rossella Mastrototaro (37 punti in 3) le “delfine” si aggiudicavano il set e fissavano il parziale sul 2-2. La disfatta era però semplicemente rinviata, perchè nel quinto set la V.2000 Acquaviva/Cassano aveva la meglio, prevalendo 15-13 e conquistando set e partita.

Il commento sulla sconfitta di Cassano Murge è stato affidato opposto della New Axia Volley, Marina Miccolis:« E’ stata una partita in cui abbiamo sofferto non abbiamo giocato tranquille. Penso che il problema sia stato la mancanza del giusto approccio alla gara, essendo questa la nostra prima partita di campionato. Io sono nuova come anche le altre ragazze arrivate quest’anno e credo che dovremmo lavorare molto sul concetto di squadra, dobbiamo essere più unite e non singole giocatrici. Ieri abbiamo giocato insicure e questo ci ha impedito di divertirci e tirare fuori quello che realmente sappiamo fare. Tecnicamente e potenzialmente la nostra squadra può vincere non solo le partite ma anche il campionato… però bisogna crederci molto di più».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here