Sold out assicurato con Vittorio Sgarbi, ha raccontato il “Leonardo Da Vinci”.

0
10023

Vittorio Sgarbi, il noto trascinatore che buca lo schermo, si riconferma ancora una volta anche a teatro per la sua recitazione istruttive.

Tutte le serate hanno messo a nudo una delle menti più eccezionali nella storia dell’umanità, per il terzo anno consecutivo con la formula che già ha portato al successo nelle stagioni 2017 e 2018: stavolta al centro della scena ci sono l’arte, le creazioni, il genio di  “Leonardo” Da Vinci, ricordiamo che il prossimo 2 maggio, si celebrano i 500 anni dalla sua morte.“

Le performance di Vittorio Sgarbi, ha evidenziato quanto questi artisti abbiano fortemente influenzato il modo di percepire il quotidiano in cui siamo immersi.

Con il passo successivo non poteva che alzare il tiro: così Sgarbi ha svelato un enigma su cui l’umanità si è da sempre interrogata, un enigma chiamato Leonardo Di Ser Pietro Da Vinci (1452/1519).

Proprio nel 2019 ricorre la celebrazione del cinquecentenario della morte dell’artista che il grande  Vittorio Sgarbi lo omaggia attraverso un viaggio nella sua mente geniale.

Un altro viaggio multimediale in cui hanno dialogato linguaggi, tecnologia e immaginari, grazie alla messa in scena curata da Doppiosenso, alle musiche di Valentino Corvino e alle videoproiezioni di Tommaso Arosio.

Con lo spettacolo “Leonardo”, Vittorio Sgarbi ha anticipato le celebrazioni che si terranno in tutto il mondo, tentando di svelare il lato nascosto di un talento ineguagliabile su cui tuttora l’umanità si interroga.

Leonardo ci ha lasciato un corpus infinito di opere da studiare e ammirare, sulle quali il prof. Sgarbi invita il pubblico a riflettere ed emozionarsi.

Non solo i celebri dipinti della Monna Lisa e dell’Ultima Cena, ma anche la bellezza degli studi che Leonardo intraprese in ambito scientifico e ingegneristico, come quello sul volo umano.

Dopo “Caravaggio” e “Michelangelo”, il “Leonardo” è il terzo spettacolo d’arte portato in scena dall’entusiasmante Vittorio Sgarbi.

Intento comune dei suoi spettacoli è quello di dimostrare come artisti antecedenti il nostro secolo abbiano fortemente inciso nel modo di percepire il quotidiano in cui siamo immersi.

Con sorprendenti salti temporali, il prof. Sgarbi ha trascinato il pubblico in un percorso illuminante dentro le vicende artistiche e sociali dei protagonisti dei suoi spettacoli, mostrando come tali vicende abbiano disvelato straordinari fenomeni premonitori della contemporaneità.

Il mix perfetto è dunque riuscito, sold out è stato garantito già da diverse settimane per le serate pugliesi di questo spettacolo, come ci hanno già comunicato dai vari botteghini. Né poteva essere altrimenti visto che ogni volta che il critico ferrarese scende per qualsiasi ragione in Puglia, il bagno di folla è garantito.

Il caloroso pubblico dimostra la continua “fame” di cultura degli abitanti del nostro territorio, Cultura quale alimento umano è il “fondamento e linfa di vita dell’umanità”.

Dopo ogni spettacolo si è trattenuto per autografare il suo libro “Il Novecento”, un’altro libro di di grande successo per il colto critico d’arte.

È un recital di grande successo, è stato confezionato uno spettacolo mettendo insieme cultura e musica dal vivo, facendo, della performance di Sgarbi qualcosa di imperdibile non solo per chi ama anche uno solo di questi generi.

Uno spettacolo teatrale a dir poco eclettico, coinvolgente e magnifico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here