Trani, al Palazzo Beltrani la mostra di Dario Agrimi “Scatola Nera”

0
10917

Stanze, cortili, ambienti di servizio e anche gli angoli più nascosti del Palazzo delle Arti Beltrani accoglieranno occupando interamente il primo piano dell’edificio le opere di Dario Agrimi fino al 26 Agosto. Il visitatore sarà condotto lungo un viaggio introspettivo che sfrutta la forza dell’arte concettuale, un’arte in cui l’idea è l’arma più potente di un’artista, per toccare con mano temi delicati e indurre a riflettere sulla propria identità e sulla società contemporanea: nel programma espositivo si spazia dalla religione all’amore in tutte le sue sfaccettature, dalla vita alla morte e alla paura scardinando ogni costrizione morale e mettendo in discussione se stessi, in lotta tra le proprie certezze e le proprie insicurezze.

Nato ad Atri (TE) il 20 giugno 1980 e docente presso l’Accademia di Belle Arti di Bari, Dario Agrimi vive a Trani e ha fatto conoscere al pubblico il suo linguaggio irriverente e di forte impatto in varie collettive e mostre personali in diverse città italiane e all’estero. Ha partecipato alla 54° Edizione della Biennale di Venezia, dal 4 giugno al 27 novembre 2011.

Sono esposti nella mostra “Scatola nera”, a cura di Roberto Lacarbonara, numerosi lavori realizzati da Agrimi nell’ultimo decennio: sculture, dipinti, fotografie, installazioni e animali in tassidermia si rivelano mezzi efficaci per comunicare e rendere note riflessioni etiche di varia natura e far emergere la personalità poliedrica e creativa dell’artista.

Durante i dialoghi di Trani (dal 18 al 23 settembre a Palazzo Beltrani) saranno esposte alcune opere di Dario Agrimi per affrontare il tema della paura della morte invitandoci a non averne timore attraverso l’immediatezza delle installazioni in mostra in quei giorni.

“Scatola nera” sarà fruibile al pubblico a palazzo Beltrani, nella omonima via, dal martedì alla domenica dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 21. Biglietto intero 6 euro, ridotto (studenti, minori, docenti e over 65) 4 euro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here