Calcio, il Barletta incassa un’altra sconfitta: contro il Gubbio una delle peggiori prestazioni

0
161

Troppi errori in fase propositiva e defaillance difensive caratterizzano la natura della partita. Nessuna delle due formazioni sembra in grado di prendere in mano le redini del gioco. Così, quando scorre il 24° minuto di gioco è solo un errore a portare il Gubbio in vantaggio: Mantovani serve un pallone lento all’altezza di centrocampo; palla intercettata da Addae che lancia in profondità Falzerano che batte a tu per tu Liverani. Non c’è reazione da parte degli uomini di mister Orlandi, anzi. È proprio il Gubbio a premere alla ricerca del secondo goal. Le azioni del Barletta vengono facilmente controllate dalla difesa eugubina che non corre mai alcun pericolo degno di nota. Al 38° il lungo possesso palla della formazione umbra da i suoi frutti: l’articolata serie di passaggi sulla tre quarti del Barletta mette Addae in condizioni di tirare dal limite dell’area; non esente da responsabilità, Liverani è nuovamente battuto. Ancora una volta non c’è reazione da parte dei pugliesi. Finisce il primo tempo e sembra tutto ormai scritto.

Al rientro i biancorossi sembrano avere cambiato atteggiamento e partono subito alla ricerca della rete, ma emblematica della stagione barlettana è la mancanza di precisione e concretezza. Il portiere eugubino non verrà mai impensierito durante l’arco dei novanta minuti, tranne che in una occasione. E se inconcludente è la manovra dei biancorossi, non lo stesso si può dire di quella degli umbri. Ogni volta che il Gubbio si affaccia dalle parti di Liverani lo fa sempre arrecando serie preoccupazioni: al 52°, ad esempio, su angolo battuto da Falzerano, l’incornata di Addae richiama agli straordinari il portiere di casa. Trascorsa un’ora di gioco, attimi di ansia e paura per Falzerano che colpito duro in un contrasto di gioco resta a terra incosciente; trasportato al nosocomio di Barletta, i medici hanno rassicurato sul buono stato di salute del giocatore. Tornati a giocare, il Barletta prova a riaprire le sorti del match, ma fortuna e precisione mancano del tutto agli uomini in biancorosso. Il Gubbio si difende, comunque pronto a colpire, come al 74°, quando Luparini, sfruttando un errore della difesa barlettana sulla tattica del fuorigioco, si trova a tu per tu con Liverani: ipnotizzato, il suo tiro viene neutralizzato. Il Barletta si riporta in avanti; un cross al centro dell’area trova Ganz sulla traiettoria: l’attaccante, scuola Milan, inventa un colpo di tacco che spiazza il portiere eugubino, ma che finisce oltre il bordo campo. Gubbio pericoloso al minuto 84’, quando solo una grandissima risposta di Liverani, su inzuccata a distanza ravvicinata di Boisfer, impedisce ai rossoblù di incrementare il vantaggio. Un minuto dopo, il portiere ospite, Pisseri, risponde al collega di sponda opposta, esibendo una parata spettacolare su testata di Campagna.

Fasi concitate della partita con il Barletta in avanti, nel tentativo di riaprire la partita: la timida pressione accennata dai pugliesi frutta solo l’espulsione di Addae. In superiorità numerica il Barletta si dimostra incapace di produrre anche solo una chiara occasione da rete e, dopo cinque minuti di recupero, l’arbitro segna la fine delle ostilità. A Barletta, il Gubbio batte il Barletta per due reti a zero. Domenica 23 marzo 2014, per la 29^ giornata del campionato di Lega Pro Prima Divisione, girone B il Barletta si recherà in terra toscana per affrontare i bianconeri del Viareggio.

Michele Noviello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here