Calcio femminile, Coppa Puglia: l’Apulia Trani vola in finale contro il Bari

0
257

Il verdetto del campo della semifinale di Coppa Puglia ha confermato però, che è proprio l’Apulia la squadra più in palla del momento. Dopo il 5-0 dell’andata un altro risultato rotondo che poteva essere più corposo se un pizzico di sfortuna ed imprecisione non avesse negato la gioia del goal alle attaccanti tranesi. Come preannunciato, mister Lionetti approfitta della gara con il Brindisi per far girare la rosa, tenendo in panchina Fusaro, Camero e Maino. Il modulo resta sempre offensivo, basato su una difesa a 3, con un centrocampo ben nutrito e le due consuete punte, tra cui la bomber Diaferia.

La gara attira al Comunale i soliti aficionados ma anche qualche volto nuovo “importante”. Tra questi Tonino De Marinis, tecnico della Despar Trani ’80 scudettata ed una campionessa di quel Trani, la brindisina doc Anna Palma.

La cronaca: al 1’minuto Lapomarda, partita in velocità, si porta in area ma, sull’uscia dell’estremo difensore brindisino,calcia fuori. Il gol è nell’aria ed arriva al 4’ : la punizione dal limite concessa dal signor Padula di Foggia è da posizione favorevole: batte l’esperta Manzi , il portiere avversario respinge centralmente e l’abile Diaferia, ne approfitta subito e piazza la palla in rete.

Al  6’ minuto capitan Spallucci sbroglia una azione offensiva brindisini  e da il la’ al raddoppio, lancio a cercare le due punte  Lapomarda e Diaferia che tentano una sovrapposizione, con fallo in area da parte dell’estremo difensore brindisino. Ammonizione per il portiere, calcio di rigore per il Trani. Batte Dicillo: in pochi secondi, piazza la palla nell’angolino sinistro.

L’Apulia, detta le regole del gioco, e più volte cerca la terza rete. Al 15’ si ha quasi l’illusione di una doppietta per Diaferia, che a botta sicura colpisce il palo. Al 20’ ci prova Lapomarda, ma il suo tiro viene smanacciato  in angolo dal portiere avversario. Al 26’ Diaferia, illude ancora tutti, questa volta colpisce il palo interno, ma la palla invece di entrare in rete, rimbalza sul palo opposto.
Al 36’ in una delle rare azioni offensive il Brindisi manca la rete che avrebbe potuto riaprire il match: Lacalaprice, la migliore dei suoi,  estrae dal cilindro una palomella da fuori area, la palla colpisce la traversa e  poi rimbalza sul palo, salvata da Narsete. Nella ripresa girandola di cambi in casa Trani: fuori Spallucci e Diaferia, dentro Ferrieri e Lops, passando ad un modulo 4-4-2.
Qualche minuto dopo l’avvio del secondo tempo, Delvecchio conquista la terza rete tranese, che chiude definitivamente il match, con un diagonale dal limite dell’area.
Poi solo accademia, con altri cambi in casa Trani, fuori Dicillo, DiCinque e Lapomarda, dentro Tondo, Amorese e Maino.

Poche le azioni degne di note complice il campo pesante e la “testa2 ai prossini impegni di campionato che vedranno l’Apulia Trani tra le protagoniste per la promozione in serie B.

La formazione del Trani

Narsete,Spallucci(Ferrieri)Tucci, Manzi Delvecchio,De Marinis,Di Cinque (Amorese), Di Cillo (Tondo), Falcone,Diaferia (Lops), Lapomarda (Amorese)

n.e. Maino, Camero e Fusaro.

ALLENATORE Savino Lionetti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here