Calcio, per il Barletta prima vittoria in casa: sconfitto l’Ascoli 1-0

0
214

 La 19^ giornata ( 2^ di ritorno) del campionato di Lega Pro Prima Divisione, girone B arride ai biancorossi e getta ancor più nello sconforto la compagine picentina. Tuttavia, sarebbe errato leggere il risultato ottenuto dai pugliesi, come una vittoria scaccia crisi, “la notte non è ancora passata” ; così come sarebbe riduttivo considerare la situazione di classifica dell’Ascoli figlia solo dello scarso valore tattico-tecnico della formazione, di mezzo vi è il fallimento dichiarato della società marchigiana.

Allo stadio “Puttilli” di Barletta si affrontano due squadre che a questo torneo non hanno nulla da chiedere: come si suole dire, in palio solo l’onore. I biancorossi in campo lo sanno e spinti dal desiderio di esibire una buona prestazione partono subito all’attacco. Ma il copione è sempre lo stesso, lo stesso dall’inizio del campionato: tanto volume di gioco, per poi non concretizzare nulla. Il pressing iniziale con cui i pugliesi bloccano i bianconeri nella loro metà campo porta i suoi frutti. Sono passati quindici minuti di gioco, quando un cross in area ascolana getta scompiglio nella difesa: Scognamilio trattiene Di Bella, per il direttore di gara Oliveri è calcio di rigore. Dagli undici metri si presenta Ilari: poca convinzione, poca precisione, poca potenza, Pazzagli para, bloccando la sfera. Per la spietata legge del calcio “gol sbagliato, gol subito” il Barletta rischia per ben due volte di subire la rete dello 0-1. Tanta sorte, personificata nelle fattezze di due legni allontanano la minaccia: al 16′ Gandelli , sfruttando un calcio di punizione da buona posizione, batte a rete, solo il palo dice di no al vantaggio dell’Ascoli. Sugli sviluppi dell’azione i bianconeri conquistano un calcio d’angolo: nel caotico movimento all’interno dell’area di rigore il più abile, quello a saltare più in alto di tutti è Bianchi, stavolta è la traversa a graziare un Liverani battuto. La partita diventa divertente con continui ribaltamenti di fronte e occasioni per ambo due le parti. Questa volta la difesa barlettana regge agli attacchi avversari, sempre vigile, sempre attenta. Finisce il primo tempo a reti inviolate.

Al rientro, il ritmo del gioco non è cambiato, con le due formazioni alla ricerca del goal. Così il Barletta al 5’ trova il lampo perfetto: D’Errico parte dalla destra, puntando verso l’area di rigore, puntando il difensore ascolano Giacomini: il dribling secco dell’esterno barlettano costringe al fallo estremo. Nuovamente calcio di rigore: sul dischetto si presenta lo stesso D’Errico che non sbaglia. Palla al centro e reazione d’orgoglio dei marchigiani che in più occasioni si fanno vedere dalle parti di Liverani, ma questa volta la sorte arride al Barletta: i tentativi di Scognamillo, Minnozzi, Carpani si risolvono o sull’esterno della rete o tra le braccia di un sempre attento Liverani (come al solito tra i migliori in campo). La pressione di gioco prodotta dall’Ascoli si fa sempre più insistente, ma il risultato non cambia. Nel finale arrembante dei bianconeri, Ilari rimedia il secondo giallo, ma è ormai troppo tardi per i marchigiani, il parziale non muta: Barletta batte Ascoli per una rete a zero.

Domenica prossima trasferta in terra toscana, per affrontare il Prato.

 

Michele Noviello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here