Canosa di Puglia e il Giro d’Italia: mostra fotografica tra le iniziative “rosa”

0
334

Nel prossimo Giro d’Italia si percorreranno 3.449,8 km spalmati in 21 tappe: una crono a squadre in programma domenica 5 maggio sul tracciato di Ischia–Forio di km 17,4, due crono individuali (Gabicce Mare-Saltara di km 55.5 e Mori-Polsa di km 19.4), sei tappe pianeggianti, otto di media montagna e quattro di alta montagna, e saranno osservate due giornate di riposo il 13 e 20 maggio. I professionisti del pedale saranno il secondo giorno a Forio d’Ischia, il terzo partiranno da Sorrento e raggiungeranno Marina di Ascea (SA) per un totale di 222 chilometri. La quarta tappa del 96° Giro d’Italia che sarà la più lunga di 246 km, si correrà da Policastro Bussentino (SA) a Serra San Bruno in provincia di Vibo Valentia. La carovana rosa proseguirà da Cosenza a Matera per la quinta tappa pianeggiante di km 199, in calendario l’8 maggio, seguita dalla tappa pugliese con arrivo a Margherita di Savoia(BT).

 Il Giro d’Italia torna in Puglia dopo la 10ª tappadel 2010 che vide la vittoria in volata sul traguardo di Bitonto (BA) dello statunitense Tyler Farrar della Garmin e la 6ª tappa del 2008 conclusasi a Peschici (FG) con la vittoria di Matteo Priamo della CSF Group Navigare. Nell’ambiente ciclistico pugliese e non solo fervono gli ultimi preparativi per l’organizzazione della 6ª tappa del giro, in programma giovedì 9 maggio, partenza da Mola di Bari(intorno alle ore 13,00 circa) e arrivo a Margherita di Savoia (intorno alle ore 17,00 circa). Una tappa pianeggiante che toccherà Torre a Mare, Bari, Santo Spirito, Giovinazzo, Molfetta, Bisceglie, Trani, Andria, Barletta, Canosa di Puglia(intorno alle ore 15,45), S.Ferdinando e Trinitapoli prima di giungere nella città delle saline. Le fonti storiche riportano che il primo passaggio del Giro d’Italia a Canosa risale al 4 giugno 1947 in occasione della 30ªEdizione con l’11ªtappa Bari-Foggia vinta da Mario Ricci della “Legnano” e Gino Bartali che indossava la maglia rosa passata poi a Fausto Coppi vincitore della famosa corsa a tappe italiana.

Il 24 maggio del 1984 il Giro d’Italia attraversò nuovamente Canosa nel corso della 7ªtappa Foggia-Marconia di Pisticci vinta dallo svizzero Urs Freuler dell’Atala-Campagnola con Francesco Moser in maglia rosa e dominatore della 67ª Edizione. Quel passaggio, accolto da un bagno di folla, fu organizzato all’ultimo minuto grazie all’interessamento della famiglia Iacobone legata da forte amicizia al ciclista trentino che riuscì a convincere l’allora patron della corsa rosa Vincenzo Torriani(1918-1996) a transitare per Canosa di Puglia(BT).

In concomitanza del passaggio del Giro d’Italia si terrà una mostra a tema “La storia del ciclismo a Canosa” con fotografie e cimeli. L’inaugurazione è fissata per lunedì 6 maggio alle ore 20,00 presso il Palazzo Minerva, in piazza Vittorio Veneto. Questo evento rientra nel variegato programma “Aspettando il Giro D’Italia” dedicato alla prossima manifestazione ciclistica di rilevanza mondiale che l’amministrazione comunale ha patrocinato e messo in atto per seguire nel migliore dei modi la kermesse attesa con particolare interesse dagli sportivi canosini e dall’assessore allo sport Giovanni Quinto, impegnato negli ultimi dettagli organizzativi unitamente ai volontari delle associazioni locali e agli studenti delle scuole cittadine.

 Il 10 maggio i corridori riprenderanno la gara da Marina di San Salvo in provincia di Chieti per arrivare a Pescara, con 176 km da percorrere su strade di media montagna prima di avviarsi per le strade impegnative del nord Italia. Quest’anno il Giro d’Italia che terminerà a Brescia e non a Milano renderà omaggio: al mitico Gino Bartali (1914-2000) con la 9ª tappa di media montagna da San Sepolcro (AR) a Firenze, di km 170, percorrendo alcune strade del circuito mondiale in programma quest’anno in Toscana; alle vittime della tragedia del Vajont del 9 ottobre 1963, quando una frana del Monte Toc si riversò sulla diga creando due ondate che investirono Longarone e diversi paesi a valle provocando oltre 1900 morti, con l’undicesima tappa Tarvisio (Cave del Predil)-Vajont(Erto e Casso) e la partenza della 12ª tappa da Longarone per Treviso; a Giuseppe Verdi, nella partenza della 13ª tappa da Busseto(PR) a Cherasco, in occasione del bicentenario della nascita (1813) del famoso musicista.

Il finale di giro si annuncia avvincente con le tappe di alta montagna come Ponte di Legno-Val Martello di km 139 e Silandro-Tre Cime di Lavaredo (Auronzo di Cadore) di km 203 che designerà il vincitore della maglia rosa 2013 nella corsa a tappe più amata e seguita dagli italiani. Nel corso della storia il fascino del pedale ha anche diviso i tifosi: dal dualismo tra Coppi e Bartali alle sfide tra Gimondi e Merckx, tra Moser e Saronni, alla triste epopea di Marco Pantani dalle mitiche scalate agli interventi dei NAS negli alberghi dove pernottavano le squadre e nei bagagliai delle ammiraglie fino allo scandalo Armstrong. La stagione ciclistica entra nel vivo con il Giro d’Italia al centro delle attenzioni che dovrà riacquistare credibilità, tendendo la mano alla gente dopo averla tradita negli ultimi anni per puntare alla rinascita su basi solide, capaci di coniugare puro agonismo e spettacolo avvincente come ai bei tempi.

“ …pedala pedala. E dimmi come si va, via dalle strade del vecchio mondo fino ai confini di questa terra che ha già pionieri, santi e macchinisti e che ha bisogno di buoni ciclisti.”. Buon giro! Bartolo Carbone

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here