Calcio: sonora sconfitta per l’Andria ad Avellino, il Barletta conquista i play out a Carrara

0
192

Per i ragazzi di mister Cosco una sconfitta che complica, ma che non pregiudica, il cammino verso il raggiungimento della salvezza diretta; nonostante la sconfitta rimediata in Irpinia per quattro reti a zero, la sestultima posizione è sempre a quattro punti. A fine gara l’analisi del tecnico azzurro: “Siamo molto rammaricati perché l’episodio che ha deciso la partita è stato dubbio, mi riferisco sia al rigore che soprattutto alla conseguente espulsione di Tartaglia. Abbiamo fatto un buon primo tempo, ma non siamo stati bravi a sfruttare quelle poche occasioni avute. Nel secondo tempo l’episodio del rigore è stato devastante per noi infatti abbiamo anche regalato clamorosamente il secondo goal e a quel punto non c’è stata più partita. L’Avellino è una squadra fortissima in tutti i reparti, anche all’andata mi aveva fatto una grossa impressione. Mi dispiace perché non avevamo mai preso un’imbarcata del genere ma abbiamo quella forza morale e quella determinazione per poter affrontare quest’ultima parte di stagione e raggiungere l’obiettivo della salvezza.”.

Il Barletta di mister Orlandi vince per due reti ad una in rimonta e conquista aritmeticamente i play out, allontanando definitivamente il pericolo retrocessione diretta: decisiva la concomitante sconfitta del Sorrento contro il Catanzaro. In sala stampa si presenta un soddisfatto mister Orlandi: “Siamo partiti contratti, poi nella ripresa, anche alla luce dello svantaggio, ci siamo proposti con un atteggiamento diverso. Ho spostato Dezi sulla trequarti nella seconda parte di gara e la situazione ci ha comportato dei vantaggi. I grandi gol di Cicerelli e Molina hanno fatto fruttare un successo importante. Siamo contenti del primo obiettivo raggiunto, ma adesso dobbiamo cercare di piazzarci il meglio possibile. Chi sarà l’avversario ai play-out conta poco. Teniamo alta la tensione e la condizione fisica per affrontare al massimo le prossime due domeniche.”.

 

Michele Noviello

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here