Calcio Lega Pro: Andria un punto, Barletta nemmeno quello

0
272

Secondo pareggio consecutivo a reti bianche per i biancoazzurri, che allo stadio ‘Italia’ di Sorrento, sfiorano più volte il goal del vantaggio, ma manca la precisione dovuta. Così mister Cosco al termine della gara: “Nel primo tempo abbiamo fatto una grande gara e con una rifinitura migliore potevamo creare qualche occasione da goal in più. Nella ripresa siamo leggermente calati, ma proprio nel secondo tempo abbiamo avuto un paio occasioni clamorose. E’ un risultato che noi accettiamo sia per la forza del Sorrento che per l’aver mantenuto tutte le squadre sotto di noi a debita distanza. Senza essere presuntuoso, credo che nel complesso l’Andria meritava qualcosa in più sia per la mole di gioco sviluppata che per le occasioni, però, ripeto, accettiamo questo pareggio e guardiamo avanti. Abbiamo dei giocatori che sono arrivati da poco e che, nella prima parte di stagione, hanno giocato pochissimo quindi nella ripresa siamo leggermente calati però sono convinto che recuperando la condizione di questi calciatori il nostro tasso tecnico e di spessore si eleverà. Il nostro obiettivo è quello di salvarci e faremo la corsa su 5-6 squadre che reputo sul nostro stesso livello, nel girone di ritorno sono importanti soprattutto le partite finali. Noi dobbiamo cercare di ‘tenere botta’ ancora per un po’, per poi uscire alla distanza nelle ultime gare perché oltre alla qualità noi abbiamo un gruppo davvero straordinario.”.

Il Barletta di mister Novelli mette in campo una buona prestazione, spreca e viene punito. Questa la sintesi di una partita che termina con il risultato di due reti a zero per il Latina. Ancora una volta, gli ultimi venti minuti sono fatali per i biancorossi. Al 18’ della ripresa Di Bella viene espulso per fallo da ultimo uomo. Al 19’ i pontini hanno la possibilità di portarsi in vantaggio con un calcio di rigore, ma Barraco manda fuori. Dieci minuti più tardi lo stesso Barraco si fa perdonare, segnando il goal del vantaggio; vantaggio blindato al 43’ da Jefferson che fa due a zero Sconfitta immeritata per il tecnico Raffaele Novelli: “Fa rabbia sprecare quattro palle gol nitide, non tiri dalla distanza, ma tentativi a pochi passi dalla porta. Purtroppo non siamo riusciti a concretizzare, poi qualche ingenuità nella ripresa ci è costata cara. Torniamo a casa consapevoli del fatto di aver messo in difficoltà la capolista facendo leva sull’intensità di gioco. Fosse stato per la classifica con Avellino e Latina non ci sarebbe dovuta essere partita ed invece siamo andati vicinissimi a raccogliere punti importanti e meritati. Tutte le gare sono uguali, vanno affrontate una per una col massimo dell’impegno e della concentrazione. Cosa deve fare il Barletta per salvarsi? Deve produrre gioco, mantenere alte intensità di gioco, concentrazione e attenzione.”.

Domenica prossima il girone B della prima divisione osserverà un turno di riposo, si torna in campo tra due settimane al “Degli Ulivi” contro il Benevento e al “Puttilli” contro il Gubbio.

Michele Noviello

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here