Canosa di Puglia, ciclismo: l’A.S.D. Cesate conclude il Ciclo Pellegrinaggio 2012 a S. Giovanni Rotondo

0
590

Nella quinta tappa  del 31 maggio scorso, l’ ultima  del Ciclo Pellegrinaggio 2012 dopo essere  partiti da Apricena(FG) sono arrivati a Canosa, città natale di due componenti dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Cesate: Morra Francesco (classe 1946), tecnico elettronico in pensione che vive nell’hinterland milanese dal 1968 e Morra Nicola Donato(classe 1955), ferroviere residente a Cesate dal 1977. Entrambi hanno proposto al presidente dell’associazione milanese Alfonso Pietro(classe 1945) di giungere a Canosa, sul ponte del fiume Ofanto(dal latino Aufidus), posto sul tracciato della via romana per celebrare il gemellaggio con i ciclisti canosini presenti ad accoglierli.

Un incontro festoso che ha visto la prima uscita ufficiale del neo assessore alle politiche giovanili e allo sport  Gianni Quinto felice di salutare i concittadini che praticano lo sport a lui caro e di ospitare un gruppo di turisti che in  bici hanno raggiunto Canosa di Puglia “Città d’Arte e di Cultura”. Il modo migliore per inaugurare  il mandato di assessore,  originale  e naturale,  all’aria aperta, accogliendo turisti e conterranei  e promuovendo nel contempo lo sport attivo e sano,  senza competizione, in particolare il ciclismo, tanto amato, inteso come benessere fisico e volto all’integrazione e alla socializzazione.

Scambio di gagliardetti storici,  targhe, libri e gadget  consegnati da Nicola Iacobone presidente del Gruppo Sportivo Iacobone – Italia e organizzatore di diverse edizioni della Coppa S.Sabino a Canosa, da Sabino Patruno presidente dell’A.C.D.Gruppo Sportivo Sabino Patruno “Medaglia d’Oro  al Merito Sportivo”, da Franco Pastore presidente dell’A.S.C.D. “Gaetano Maddalena”, dal professore Michele Balzano giudice di gara,  da Marino Pagano autore dell’almanacco dedicato ai “60 Anni di Ciclismo a Canosa.La Coppa San Sabino”.

Abbracci e applausi per tutti e soprattutto è stato rinnovato l’invito a soggiornare e a visitare le bellezze del nostro territorio, in particolare i famosi  siti archeologici di Canosa proposti  nel  breve excursus storico  da Renato Tango della Fondazione Archeologica Canosina rivolto alla comitiva milanese e ai numerosi sportivi accorsi sul ponte dove si è brindato per il traguardo raggiunto senza fatica ma con dedizione.

I componenti dell’A.S.D. Cesate nell’ultimo week end di maggio hanno raggiunto Cattolica(RN) dove si sono svolti i campionati italiani di cicloturismo organizzati dall’Unione degli Amatori Ciclismo Europeo(UDACE) e al termine sono partiti alla volta di Porto S.Elpidio (MC), prima sosta del Ciclo Pellegrinaggio 2012, seguita dalle tappe a Marina di San Vito Chietino(CH), ad  Apricena(FG) e l’arrivo a Canosa.

Una menzione particolare va al ciclista “più giovane” della  comitiva  Marino Borroni, nato il primo giorno della merla il 29 gennaio 1937, ex bancario e grande appassionato di tennis, come all’unica donna in sella Carmen Panacui, originaria di Faeto(FG), 49 anni operatrice sociale. Fanno parte del gruppo Amatoriale milanese, con la “A” maiuscola, come ribadito in più occasioni nella presentazione: Corbella Antonio (classe 1948) ferroviere; Angelo Travagliati(classe 1941) industriale; Ferrucci Angelo (classe 1947) ambulante; Pagani Fabio (classe 1950) dipendente delle municipalizzate; Simon Giorgio (classe 1945) orafo,  e il presidente Alfonso Pietro  dell’A.S.D. Cesate, costituitasi nel 1975, per favorire la pratica sportiva e valorizzare il ciclismo amatoriale rivolto a tutti e di tutte le età, coniugando passione, impegno,  amicizia e sano divertimento, un mix non facile in questi tempi critici ed instabili.

Bartolo Carbone

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here