Il Frecciarossa Milano-Lecce non ferma a Barletta: Forza Italia Puglia presenta interrogazione parlamentare

0
122
Il caso della mancata fermata a Barletta del treno Frecciarossa Milano-Lecce verrà affrontato nella giornata odierna nella Commissione Trasporti della Camera. Il coordinamento regionale di Forza Italia, interpretando le istanze del territorio di Barletta rappresentate dal commissario cittadino Giovanni Ceto, dal coordinatore provinciale, Luigi De Mucci, e da tutta la dirigenza locale, si è fatto promotore di un’interrogazione parlamentare per richiedere al governo l’istituzione di una fermata del Frecciarossa a Barletta. Il primo firmatario dell’interrogazione urgente è l’on Francesco Paolo Sisto, che la illustrerà oggi, durante la seduta della Commissione Trasporti della Camera dei Deputati. Lo rende noto il coordinatore regionale di Forza Italia, l’on Luigi Vitali.

In merito, il commento del consigliere comunale di centrodestra, Flavio Basile, presidente della Commissione Lavori Pubblici. “E’ assordante il silenzio del Sindaco Cascella, della sua Amministrazione e della politica barlettana in genere rispetto alla mancata fermata del treno Frecciarossa Lecce-Milano nella Stazione Ferroviaria di Barletta. Nonostante l’ennesima beffa rimediata e le sollecitazioni di numerosi cittadini, utenti e non, non si registra alcuna azione politica incisiva finalizzata a rimodulare le scelte operate per la linea in questione dalla Rete Ferroviaria Italiana.

E’ recente, difatti, la decisione che i Frecciarossa 9598 Lecce-Milano e 9597 Milano-Lecce di nuova istituzione (nei giorni di sabato e domenica) nella tratta Lecce-Milano-Lecce, effettueranno le fermate intermedie nelle stazioni di Reggio Emilia AV- Bologna-Rimini-Ancona-Termoli – Foggia- Bari- Brindisi, saltando la fermata di Barletta. Una decisione fortemente penalizzante nei confronti della Città della Disfida e del Territorio tutto della Provincia di Barletta-Andria-Trani. A farne le spese è un’utenza di oltre 600mila passeggeri. Una situazione alquanto paradossale se si considera che Barletta, oltre che essere città capoluogo di Provincia (100mila abitanti), rappresenta uno tra i più importanti snodi ferroviari d’Italia.

La Città di Barletta ha peraltro dato i natali al campione Pietro Mennea a cui è dedicato il nuovissimo treno super veloce Frecciarossa 1000, nodo ferroviario classificato da RFI “Gold” (Oro), secondo dopo Bari, nodo terminale delle tratte ferroviarie Barletta-Spinazzola e Bari-Barletta (gestione Ferrotramviaria S.p.A., tristemente nota per i luttuosi accadimenti della scorsa settimana), con un movimento passeggeri annuo di 3 milioni di viaggiatori (tra cui utenti della vicina Regione Basilicata). Va ricordato, inoltre, che già in passato le comunità interessate hanno sottoscritto una petizione popolare di oltre 30mila firme depositate presso le varie Commissioni Parlamentari e presso le Ferrovie dello Stato. Dispiace constatare che anche in questa circostanza emerga il totale disinteresse del Primo Cittadino Cascella, l’uomo venuto da Roma per risolvere i problemi della Città ma oggi sempre più ostaggio del Partito Democratico e dell’immobilismo amministrativo”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO