Minervino Murge, il Pd tuona: «L’opposizione ha impedito di approvare agevolazione Tasi»

0
269

“Sembra paradossale ma è ciò che è realmente successo nella seduta di Consiglio Comunale dello scorso 26 settembre – si legge nella nota della Segreteria cittadina-. Tra i vari punti all’ordine del giorno vi era la modifica al regolamento Tasi che prevedeva una agevolazione di circa il 10% sulla tariffa prevista per quelle famiglie con un nucleo familiare superiore a 5 componenti, famiglie che spesso risultano essere quelle con le maggiori difficoltà economiche. Questa agevolazione sarebbe dovuta essere approvata dal Consiglio Comunale.

Per un disguido tecnico – l’ordine supplettivo non era stato notificato a tutti i consiglieri – il consigliere comunale Di Vietro si è opposto alla discussione del punto in aula.

Al netto dell’errore di notifica che vi era stato, abbiamo chiesto a tutti i consiglieri di opposizione presenti (Bevilacqua, Brizzi, Di Vietro e Roccotelli Luigi) di poter ugualmente discutere il punto, cosa prevista dalla legge e confermato dal Segretario Comunale, e approvare lo stesso dato la sua importanza, cosa che poteva essere fatto, ma solo con il consenso unanime di tutti i consiglieri comunali.

Va dato atto che solo il consigliere Brizzi ha accolto la proposta della maggioranza e quindi, non potendo fare diversamente, il punto che serviva a dare un aiuto a famiglie in difficoltà economiche non si è potuto discutere.

Però, dato l’importanza della discussione, la maggioranza di centro sinistra, ha deciso di agire ugualmente, prevendendo un intervento ad hoc per quelle famiglie che avrebbero dovuto beneficiare dello sgravio fiscale.

Come emerge chiaramente, appellandosi a sterili tecnicistici, guidati dal solo principio di opposizione a tutti i costi e mai costruttiva, i consiglieri Di Vietro, Bevilacqua e Roccotelli Luigi, hanno di fatto impedito al Consiglio Comunale di approvare un atto a favore delle famiglie Minervinesi che versano in grave difficoltà.

Siamo sicuri che nei prossimi giorni qualcuno cercherà di smentire quanto scritto o di giustificare il proprio comportamento; ai cittadini, molto semplicemente, chiediamo di leggere i verbali della seduta del Consiglio Comunale del 26 settembre e verificare come realmente sono andate le cose”, conclude la nota.


LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here