Margherita di Savoia, approvato Bilancio 2014. Sindaco: «Prima di tutto l’interesse del paese»

0
405

Il provvedimento, illustrato nella sua relazione introduttiva dall’assessore al bilancio, Salvatore Giannino, prevede entrate per poco più di 9 milioni di euro, per gran parte rivenienti dalle entrate tributarie (poco superiori ai 7,5 milioni di euro). Nel dettaglio il gettito stimato per l’Imu è di 2.764.000 euro, quello relativo all’Irpef è pari a 720.000 euro, quello per la Tasi di poco superiore ai 780.000 euro. Altri 400.000 euro l’Amministrazione comunale prevede di incassarla dalla lotta all’evasione all’Ici, mentre per la Tosap (la tassa sull’occupazione del suolo pubblico) la previsione d’entrata è pari a 200.000 euro.

Come ha evidenziato l’assessore Giannino nella sua relazione, il bilancio di previsione del 2014 porterà ad una riduzione delle spese generali per il Comune che ammonteranno a poco più di 8 milioni di euro rispetto ai dieci milioni dell’anno precedente, con un risparmio per l’Ente vicino ai due milioni di euro.

L’approvazione del bilancio di previsione del 2014 è arrivata a conclusione di un lungo dibattito, a tratti anche concitato e che ha richiesto una sospensione dei lavori. I toni fin troppo esasperati vengono stigmatizzati dal sindaco, Paolo Marrano: “Il Consiglio comunale, in ogni occasione, presenta fortissime anomalie che hanno poco a che fare con la politica. Ci sono criticità – sottolinea il primo cittadino – riconducibili quasi sempre a forti rancori familiari. Non è possibile – ammonisce Marrano – che l’interesse e il bene del paese passi ogni volta in secondo piano per fare largo, invece, a ridicoli atteggiamenti che denotano scarsa maturità politica e poca onorabilità”.

Sulla richiesta, avanzata prima del voto sul bilancio di previsione, dal consigliere Carlo Ronzino di reintegrare nella maggioranza il Movimento Schittulli, il sindaco Marrano ribatte: “Non si sa sulla base di quali elementi sia stata fatta questa richiesta, dal momento che i consiglieri del Movimento Schittulli si sono sempre dichiarati nella maggioranza, pur votando contro. Negli ultimi mesi – ricorda ancora Marrano – sono state tante le aperture fatte al Movimento Schittulli di far parte, in maniera attiva, della maggioranza, ma ho dovuto riscontrare che questi tentativi sono stati vani”.

Il Consiglio comunale ha rinviato ad altra seduta la composizione del tavolo tecnico sulla liberalizzazione delle acque madri e termalismo. In apertura dei lavori, infine, si è provveduto alla surroga del consigliere dimissionario Francesco Galante, con il primo dei non eletti della lista “Francesco Galante sindaco”, Vincenzo De Pietro.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here