“Barletta dall’altra parte”, la consigliera Damato rendiconta alla città con Elena Gentile

0
182

 Partecipazione e democrazia attiva i binari su cui fare correre la vita politica della città di Barletta. Un modo diverso non solo di fare politica, ma per i tempi che corrono, invasi dall’uso smodato dei social network, anche di incontrarsi, di parlare.

“Innanzitutto ho scelto un metodo che è stato quello dell’ascolto e del filo diretto con i cittadini, visto che, una volta alla settimana, mi sono messa a disposizione per ascoltare le istanze della cittadinanza e ho messo a disposizione la versione cartacea di tutte le delibere di giunta e di consiglio in mio possesso, raccogliendo tante segnalazioni e proposte da parte di persone competenti”, dichiara.

Alla serata presenti colleghi consiglieri comunali, di maggioranza e di opposizione, il Sindaco di Barletta, il Vice-Segretario regionale del Partito Democratico, Assuntela Messina, il segretario provinciale PD, Agostino Cafagna, e il suo predecessore Andrea Patruno, oltre che il consigliere regionale Filippo Caracciolo, gli assessori Marcello Lanotte e Antonio Divincenzo, l’ex assessore prof. Ugo Villani, i consiglieri comunali Gennaro Calabrese, Cosimo Cannito e Andrea Salvemini. Tanta gente accorsa per ascoltare la voce anche di un’altra donna del PD, Elena Gentile, recentemente eletta europarlamentare, tra i nomi più suffragati, anche a Barletta, già Assessore alla Sanità, prima al Welfare, della Regione Puglia.

Anche per la Gentile occorre tornare a questa forma di politica diretta: un modo immediato per ascoltare ciò che chiede la gente. Partire dalle piccole cose per potere decidere, poi,su questioni molto più importanti e che riguardano non più una comunità cittadina ma un’intera Regione. L’operato del Consiglio Regionale in queste ultime legislazioni di centrosinistra ha seguito questa linea e ad oggi dice l’europarlamentare, “La Puglia è riuscita a smarcarsi da quel cliché negativo di regione del Mezzogiorno”.

In procinto delle primarie per eleggere il candidato di centrosinistra alla guida della Regione, non sono mancate frecciate al Segretario regionale del PD, Michele Emiliano, candidato alle Primarie di novembre, il quale secondo i sondaggi non sembra avere rivali, per ora.

Abituati a vedere cittadini rivolgersi alla politica solo per sbrigare faccende private, si spera in un’inversione di marcia in cui sia il mondo politico stesso ad avvicinarsi alla gente. Sarà possibile? Ai giovani l’ardua sentenza.

Michele Noviello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here