“Margherita CambiaVerso” si presenta. Bufo: «Laboratorio permanente, non elettoralistico»

0
155

Ad aprire il dibattito la Vice Presidente dell’Associazione, Antonia Giannella, che ricorda subito come l’input all’associazione sia di chiara impronta renziana ma allo stesso tempo legato a una volontà di aggregazione popolare che abbia come scopo la crescita del paese sotto tutti gli aspetti. A tal fine, la Vice Presidente ha sottolineato la volontà e la necessità di un confronto tema su tema con tutte le forze politiche.

A seguire, l’intervento del Presidente dell’Associazione, dott. Raffaele Bufo,  che ha sottolineato innanzitutto l’importanza della condivisione dei problemi e delle soluzioni con i cittadini e la loro partecipazione attiva alla cosa pubblica. “Margherita CambiaVerso – ha affermato il dott. Bufo – vuole essere un laboratorio permanente sociale, culturale e politico. E per dissipare ogni dubbio, dirò subito e in modo fermo ciò che Margherita CambiaVerso non vuole essere: non un’iniziativa elettoralistica, non un andare contro qualcuno o qualcosa, non un modo da parte di qualcuno di ritornare o di riproporsi presuntuosamente sulla scena della politica solita, non un voler esautorare chicchessia, certamente NON un modo per mettersi in competizione con il partito di riferimento, il PD, ma al contrario un volerlo affiancare e supportare. Oggi più che mai è un grosso errore considerare il partito, ogni partito, come un perimetro chiuso e proprio per questo uno dei primi obiettivi di questa associazione è quello di divenire una grande area democratica aperta a tutti per il confronto e il dialogo. Per cambiare davvero verso c’è bisogno non solo e non tanto di accordi nei partiti ma di alleanze con i cittadini che vadano al di là delle appartenenze politiche. Permanente, del tutto indipendente dal partito, dove non conta se si ha una tessera in tasca o meno (il percorso all’interno del partito resta una scelta personale e privata di ciascuno), dove ognuno possa sentirsi incluso senza discriminazioni, forzature o ambiguità, dove si parli di idee, proposte, di “Politica” e dove ogni forma di aggregazione possa dare il proprio contributo in termini di partecipazione, sostegno, promozione.”

Dopo gli esponenti dell’Associazione, hanno preso la parola i due padrini della presentazione, il Consigliere regionale Filippo Caracciolo, che ha posto l’accento sull’importanza delle realtà civiche come collante e interfaccia fra la politica ed il tessuto vivo della cittadinanza, e infine il Segretario Regionale PD Michele Emiliano il quale si è fatto promotore di un forte appello a lavorare ad un percorso comune anche e soprattutto in un’area di centrosinistra che sia capace di coinvolgere le realtà civiche.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here