Barletta, M5S su forconi: «Protesta va canalizzata, frutto della tragedia del Paese»

0
82

“Assieme agli echi dei petardi scoppiati in queste ore, alle urla disperate di chi manifesta rabbiosamente il proprio disagio, risuona nei nostri orecchi un monito, quello di Beppe Grillo: “Il Movimento 5 Stelle è l’ultima opportunità di un cambiamento democratico e pacifico, dopo, la piazza diventerà pericolosa”.

La probabile deriva violenta predetta da Grillo e da taluni scambiata come estremo tentativo di fare proseliti, proprio in queste ore sta diventando tangibile realtà anche nella nostra città, teatro di azioni deplorevoli. Qualsiasi atto riconducibile a violenza verbale o fisica non può che trovare la nostra totale disapprovazione, ma assieme ad una netta condanna sentiamo anche la responsabilità di analizzare il fenomeno che non può essere liquidato come una mera esecuzione di atti vandalici fini a se stessi.

Se non possiamo in nessun caso avallare il comportamento di coloro che hanno imposto con la forza e le minacce la chiusura di esercizi commerciali ed intere aziende, arrecato danno agli arredi urbani e non solo, in quanto Movimento di cittadini, avvertiamo tutto il peso della tragedia che induce i manifestanti a trascendere. L’ abuso subito dai nostri territori, privati di benessere, ricchezza, lavoro, salubrità dell’aria, induce alla collera; facciamo appello al senso di responsabilità di tutti i barlettani.

Quindi proprio perché riteniamo condivisibili le ragioni che sono alla base di tale protesta, in conferenza dei capigruppo convocata d’urgenza alle 19:30, per decidere sull’eventuale rinvio del consiglio comunale previsto per il 12/12, abbiamo chiesto con forza che il consiglio fosse rinviato, in segno di rispetto nei confronti di tutti quei cittadini che pacificamente stanno esprimendo il proprio disagio. Abbiamo chiesto alle istituzioni di cui facciamo parte, grazie alla fiducia che tanti barlettani ci hanno accordato, di fermarci un attimo ad ascoltare il malessere che pervade larghi strati della societa’.

La protesta legittima, va con urgenza canalizzata in un percorso che deve pretendere sì un cambiamento, ma con modalità condivise da tutti i cittadini, cosi’ come il M5S sta facendo da tempo nelle istituzioni e sul territorio e dunque mai violente. Aggiungiamo al nostro accorato appello affinché cessino le proteste violente, l’invito alle forze dell’ordine a vigilare con attenzione sul territorio per evitare che si ripetano atti intimidatori”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here