Andria, il consigliere Frisardi: «I Comuni fanno sacrifici ma il Governo li tartassa. Ora basta»

2
111

“La Tares, stando alle tariffe ministeriali, graverà sulle nostre aziende pesantemente e non consola sapere che – solo per citare alcuni esempi – in città vicine come Barletta, Trani, Bisceglie e Bari, dove il servizio di raccolta rifiuti ha costi vertiginosi, le stesse tariffe sono maggiori di quelle di Andria fino anche del 50% e senza che vi sia la raccolta differenziata porta a porta.

Ma è dell’ultima ora il provvedimento datato 27 novembre con cui, non solo il Governo sbeffeggia Comuni e cittadini disattendendo il completo esonero dall’Imu della casa abitativa, ma aumenta nuovamente le aliquote di versamento dell’acconto Ires delle società: l’acconto già qualche settimana fa era stato portato dal 100% al 101% ed ora, prorogando la scadenza del pagamento del 2° acconto dal 30/11 al 10/12, passerebbe addirittura al 102,50% (cioè l’acconto 2013 supera il saldo 2012, nonostante la decrescita economica).

Mi rifiuto di amministrare una città come quella di Andria, dove, nonostante i molteplici interventi sul territorio, le nuove infrastrutture, gli enormi tagli alla spesa comunale (quest’anno ulteriormente tagliata di oltre 6 milioni di euro), l’azzeramento dei costi della politica (i consiglieri comunali non percepiscono praticamente nulla e gli assessori si muovono a proprie spese per le trasferte), la voglia di spingere per un ricambio generazionale politico ed un efficientamento della macchina amministrativa, ogni sforzo alla fine risulta vano perché soggetto a normative nazionali e sovranazionali che operano a danno delle comunità locali e, in primis, delle medie e piccole attività economiche che ne rappresentano il cuore pulsante. Si stanno soffocando i consumi e, ancor prima, la propensione e la voglia di investimento. Iva, Ires, Imu, Tares, ma dall’anno prossimo Trise o forse Tuc o forse Iuc!

Nell’ultimo Consiglio Comunale ho proposto, in accordo con tutti gli amici del mio gruppo e della maggioranza di centro-destra, di attribuire la premialità di cui Andria usufruirà nel 2014 sull’ecotassa regionale, per gli ottimi risultati conseguiti nel 2013 sulla differenziata, alle attività economiche su cui più graverà la Tares, oltre che la possibilità di rateizzare senza interessi il saldo Tares delle utenze non domestiche dovuto a gennaio. Forse sarà poco ma è stata una proposta concreta e praticabile, anzi, in base ai dati attesi alcune tariffe potranno avere un abbattimento anche fino al 30%. Ringrazio l’Amministrazione Comunale ed il Sindaco per aver accolto la proposta, attenuando l’iniquità delle tariffe ministeriali.

Mi chiedo però a che vale tutto ciò se in qualunque momento, anche nell’arco di poche ore e con effetti retroattivi, tutto può essere vanificato da un Governo che ha un precipuo obiettivo: far cassa a danno di Comuni e cittadini, i quali oltremodo si trovano a pagare sempre di più.

Il tempo delle parole e delle promesse è scaduto da tempo, la gente non ne può più e noi amministratori siamo al fianco dei cittadini; fare voce grossa già non serve più; si serrino i pugni, soprattutto in Europa, perché l’Italia non può continuare a subire diktat che mirano al controllo della spesa senza rapportarsi alle caratteristiche dei territori”.

2 COMMENTI

  1. domani saranno aperte le scuole superiori di andria anche per chi viene da fuori?

  2. Al momento non ci sono comunicati ufficiali sulla chiusura delle scuole ad Andria per domani, 2 dicembre, a differenza di Barletta e Trani dove i sindaci hanno emanato le relative ordinanze.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here