Trinitapoli, vicenda interna al Pdl. Triglione: «Non siamo più sospesi»

0
385

“Sono stato fuori città per situazioni personali, altrimenti anche io avrei detto no alla strumentalizzazione che è avvenuta negli ultimi giorni, rispetto ad un atto che doveva servire ad un unire e, invece, ha avuto altre finalità. Niente più sospensione, quindi, a sostegno di Chiaromonte a cui restano solo i due consiglieri comunali Di Benedetto e Marzucco.

Nel frattempo tutto è stato risolto all’interno del partito –conferma Mimmo Triglione- grazie anche al tempestivo ed efficace intervento dei dirigenti provinciali che prenderanno dei provvedimenti ufficiali. Siamo assolutamente contro le strategie che mirano allo sfascio del partito”.

“Nelle ultime ore è apparso un comunicato con delle mie dichiarazioni che voglio assolutamente correggere perché pubblicate in maniera tardiva rispetto all’attuale situazione. Non c’è alcun problema con il vice-sindaco Andrea Minervino, con cui da sempre mantengo ottimi rapporti. Stessa cosa vale con il sindaco Francesco di Feo e con tutti gli amministratori. Non era mia intenzione mettere a rischio la solidità del progetto Rinascita Trinitapolese, rispetto al quale mi sono esposto in prima persona –ha concluso il generale Giacomo Triglione-. Rimango dell’idea che all’interno del partito bisogna ricostruire la giusta armonia e lavorare a sostegno dell’amministrazione comunale, che sta attraversando un momento non facile per situazioni chiaramente derivanti dai guai del passato”.

Michele Mininni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here