Bisceglie, l’assessora Stoico: «La mia colpa essere donna in politica? Polemica di basso livello»

0
208

Infatti – prosegue la giovane neoassessora- dal giorno 21-03-2013, data delle mie dimissioni nell’ambito dell’assemblea dei soci, non ricopro alcun incarico nella società Approdi spa. Per quel che riguarda il mio rapporto di lavoro nel Centro Anziani, voglio chiarire che la sottoscritta, laureata in Giurisprudenza, risulta legata da un rapporto di lavoro subordinato part time (semplice dipendente, ndr) non con il Comune di Bisceglie ma bensì con la società “Nuovi orizzonti srl” a cui risulto legata contrattualmente sin dal 2011 con lo stipendio mensile netto di circa Euro 600,00 come si evince dalla dichiarazione dei redditi che sarà pubblicata a breve sul sito del comune di Bisceglie nella sezione amministrazione e trasparenza.

Come si può notare, l’attacco che mi è stato mosso non ha alcun fondamento visto che certamente non può essere negata ad una dipendente di una ditta privata che guadagna solo 600 euro al mese la possibilità d ricoprire un ruolo assessorile presso il Comune di Bisceglie.

Il Sindaco Spina, poi, ha avuto modo di nominare gli assessori della sua giunta sulla base di un criterio democratico e assolutamente trasparente, rispettando la volontà popolare e
nominando i primi degli eletti (la sottoscritta è stata eletta in consiglio comunale con 208 voti) delle liste a suo sostegno, come è avvenuto con gli altri colleghi di giunta di sesso maschile, Fata, Ruggieri e Abascià.

Mi permetto di fare un’altra riflessione senza vena polemica. Se gli attacchi mossi alla mia persona fossero stati dettati da un senso di giustizia in assoluta buona fede, mi aspetterei adesso un atto di scuse e di rettifica di un comunicato chiaramente falso nei suoi presupposti, oltre che diffamatorio.

Altrimenti, rimarrà ferma in me la convinzione che la cultura e la civiltà di gran parte della classe politica biscegliese non vede assolutamente in modo positivo l’impegno delle donne ed il rinnovamento della vita politica cittadina.

Se la mia colpa è di essere una donna neofita della politica e di essere giovane daró conto ai miei elettori, alla città ed al Sindaco del mio lavoro e non certo a chi dall’opposizione intende strumentalizzare fatti e situazioni che risultano pubblicamente diverse dalle menzogne raccontate da chi evidentemente non vede altri problemi nella città e cerca con insinuazioni e falsità di mestare una situazione sociale che merita ben altro livello culturale e politico”.

 

Foto: Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here