Barletta, delibere Giunta comunale: contributo fitto casa, 30 mila euro Festa patronale e canale H

0
146

Questo il testo della mozione sul crollo in via Roma: “La Giunta comunale di Barletta, in occasione dell’inizio del processo per l’immane tragedia del crollo di via Roma nel quale, il 3 ottobre 2011, persero la vita Concetta Ceci, Maria Cinquepalmi, Matilde Doronzo, Giovanna Sardaro e Antonella Zaza mentre altri cittadini subirono gravi lesioni personali e ingenti danni alle loro proprietà,
certa di interpretare l’unanime sentimento di dolore persistente, di angoscia, di aspettativa di giustizia della cittadinanza, ricorda che il Comune di Barletta, quale ente rappresentativo dell’intera comunità cittadina, si è costituito parte civile in tale processo, al fine di ottenere la condanna dei responsabili al risarcimento dei danni, sia patrimoniali che morali, conseguenti, in particolare alla sofferenza della collettività, al danno all’immagine della nostra civilissima città, così come dei danni provocati all’ambiente e al territorio,
eleva un memore, commosso pensiero, al ricordo delle vittime del crollo e ribadisce i sentimenti di profonda solidarietà ai loro parenti e ai loro cari,
riafferma il proprio impegno per il pieno accertamento della verità e delle responsabilità della tragedia di via Roma,
esprime fiducia, nell’azione della magistratura, volta a fare piena luce su una tragedia che ha inferto una ferita dolorosa alla comunità barlettana e a rendere giustizia alla memoria delle vittime, ai superstiti e ai cittadini
”.

In riferimento a quanto accaduto invece ieri mattina davanti a Palazzo di Città, il sindaco Pasquale Cascella ha espresso gratitudine agli esponenti del Corpo dei vigili urbani e delle Forze dell’ordine che anche esponendosi direttamente, hanno impedito che degenerasse una protesta senza alcuna giustificazione.

“In effetti, il sindaco ha avuto un momento di confronto con le diverse espressioni della protesta sociale già questa mattina (ieri, ndr) al suo arrivo a palazzo di città, disponendo che quanti chiedevano chiarimenti sull’anticipazione del contributo fitto casa, peraltro all’ordine del giorno proprio della riunione della giunta, fossero immediatamente ricevuti dall’assessore Anna Francabandiera. Quanto ai manifestanti che da anni occupano abusivamente le case destinate a coppie di anziani, nei confronti dei quali è in atto un procedimento giudiziario nel quale il Comune si è costituito parte civile, il sindaco si era detto pronto a incontrare i loro legali nel processo così da riaffermare l’esigenza di legalità, ma già questa disponibilità è stata rigettata, così come sono stati poi respinti tutti i richiami alla correttezza delle forze dell’ordine quando il sindaco ha lasciato il Comune per partecipare a una riunione alla Provincia”.

Si è dunque fatta valere la dignità e il valore della istituzione municipale mantenendo e svolgendo serenamente tutti gli impegni della giornata, fino alla riunione della Giunta. Nella quale, appunto, si è discusso del disagio sociale e si è proceduto all’approvazione innanzitutto della delibera che, nelle more dell’erogazione da parte della Regione Puglia del finanziamento per il contributo affitto casa 2011, affida agli uffici preposti l’incarico di procedere, entro la prossima settimana, alla liquidazione di un acconto di 895.247,76 euro pari al 73% della somma complessiva, così da far fronte a un’esigenza sociale, come quella abitativa, che maggiormente grava sulle famiglie più deboli.

La giunta ha quindi approvato una delibera per contribuire al programma della festa patronale con uno stanziamento di 30 mila euro per far fronte alle spese e servizi che, in un incontro con il Comitato feste patronali, sono stati ritenuti irrinunciabili e più qualificanti (luminarie, fuochi pirotecnici, banda musicale, gruppo elettrogeno).

E’ stata anche approvata una deliberazione riguardante i limiti delle procedure di esecuzione e di espropriazione forzata individuando i servizi locali indispensabili dei Comuni.

Infine, è stata approvata una delibera per l’urgente messa in sicurezza del canale “H” sfociante sulla litoranea di Ponente in prossimità dell’incrocio con la via Scommegna, per garantire un livello di sicurezza superiore alla balneazione. La giunta si è riconvocata per l’esame e la determinazione del programma dell’estate barlettana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here