Margherita di Savoia, candidata Cusmai (Pd): ecco le 10 proposte per la città

0
185

“In una situazione di forte crisi bisogna sostenere le fasce più deboli della popolazione”, esordisce l’esponente del Partito Democratico. “Penso, per esempio, ad una mensa sociale, all’implementazione dell’assistenza domiciliare ed educativa, ad interventi a sostegno della genitorialità, ad uno sportello di assistenza per gli anziani”.

Antonella Cusmai ribadisce un forte “Basta al lavoro stagionale”. “Bisogna creare presupposti affinché i nostri giovani non siano costretti ad emigrare per trovare occupazione. Questo va di pari passo con la riappropriazione del nostro territorio. Occorre recuperare i capannoni abbandonati e favorire la nascita di cooperative giovanili. Dobbiamo sviluppare una reale Zona Produttiva mediante il sostegno alle piccole e medie imprese. Valorizzeremo la zona umida e i bacini dismessi per creare opportunità di lavoro, per esempio attraverso la realizzazione di un camping”.

“Ovviamente lavoro fa rima con turismo, che deve essere orientato alla destagionalizzazione”, aggiunge Antonella Cusmai. “Naturalmente il mare è una risorsa vitale. Potenzieremo il depuratore e combatteremo gli scarichi abusivi. Vogliamo ottenere per la prima volta la bandiera blu. Ma dobbiamo puntare anche al turismo tutto l’anno, valorizzando il nostro patrimonio storico, archeologico e naturale e promuovendo avvenimenti a carattere nazionale”.

Altro punto importante del programma è la cultura. “Non abbiamo un cinema, un teatro, una libreria, un centro culturale. Realizzeremo una cittadella della cultura e la affideremo ad una cooperativa di giovani”, sottolinea Antonella Cusmai. “Naturalmente non dobbiamo dimenticare il bilancio comunale e la situazione di pre-dissesto. Taglieremo i contributi a pioggia, combatteremo l’evasione delle tasse comunali e saremo fautori di una riperequazione tributaria. Partiremo dalla cancellazione degli sprechi e dei privilegi pubblici, che sono abbondati in questi ultimi due anni. Realizzeremo un censimento delle reali utenze per azzerare gli allacci abusivi. Intraprenderemo una crociata contro l’abusivismo edilizio. Metteremo al primo posto l’etica e la trasparenza, aprendo immediatamente alle telecamere non solo le porte del consiglio comunale, ma anche e soprattutto quelle della giunta”, conclude il candidato sindaco che guida la coalizione composta da Pd, Sel e dai movimenti “Liberi di” e “l’Avocetta”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here