Bisceglie, candidato sindaco Gianni Casella: puntare su Commercio e Sicurezza

0
233

Nella nota diffusa  dallo stesso comitato a sostegno di  Casella,  è stato pertanto evidenziato che: “Come il precedente tenutosi una settimana prima, gli incontri a Santa Croce sono un’occasione di confronto e di ascolto delle proposte che arrivano dai rappresentanti delle categorie professionali, dalle associazioni e da semplici cittadini che vogliono partecipare alla stesura del programma per la futura Amministrazione comunale. A parlare di commercio e sicurezza sono intervenuti l’ufficiale dei Carabinieri Antonio Romanazzi, il responsabile dell’unità specialistica di Protezione Civile della Bat Giovanni De Trizio, la commerciante Giusy Dente, il presidente di Confcommercio Bisceglie Leo Carriera, il presidente dell’associazione di commercianti “BisceglieViva” Nicola Papagni, il consigliere comunale uscente della Democrazia Cristiana e ufficiale dell’Esercito Italiano Giovanni D’Addato.Gianni Casella ha preso nota dei temi sollevati dagli ospiti durante il dibattito e per ciascuno ha offerto la sua attenzione e il suo impegno qualora dovesse essere eletto Sindaco”.

«Dal suo osservatorio professionale – si legge ancora nella nota  , Romanazzi ha sottolineato l’esigenza di potenziare il sistema di videosorveglianza, ottimizzare l’impiego delle forze dell’ordine e disciplinare le associazioni di volontariato che prestano servizi per la sicurezza. De Trizio ha invece ricordato la redazione nel 2009 di un piano operativo per le emergenze che a distanza di 4 anni va rivisto per il cambiamento delle condizioni socio-economiche “fotografate” all’epoca dal piano. Sempre in tema di sicurezza, Giovanni D’Addato ha parlato di come sin dalle scuole vadano incentivate iniziative per combattere fenomeni come il bullismo e diffondere una cultura di rispetto delle regole.
“Giusy Dente, da giovane titolare di un’attività commerciale di piazza Vittorio Emanuele arrivata alla terza generazione – continua la nota – solleva l’annoso problema dei parcheggi in centro che sono motivo di dissuasione per la clientela che preferisce la comodità –seppur fredda e impersonale- degli ipermercati. Per questo ricorda come le Amministrazioni succedutesi negli ultimi anni abbiano sì parlato del parcheggio sotterraneo al “Palazuolo” ma non abbiano mai dato corso al progetto”.

“Nicola Papagni per BisceglieViva  – sottolinea piuttosto  – e  auspica la stessa collaborazione tra commercianti che ha caratterizzato le iniziative dell’associazione e mette a disposizione della Amministrazione comunale che verrà le esperienze e le nuove idee per il futuro, tese a valorizzare il commercio cittadino, come un piano di marketing già approntato dall’Associazione”

Valorizzazione ma anche sostegno a nuove start-up e rispetto della legalità (in particolare per disciplinare i gazebo dei locali pubblici)  sono stati – si legge ancora nel comunicato pro Casella – i  punti focali dell’intervento di Leo Carriera, che ha messo a disposizione la forza e l’autorevolezza di una organizzazione come Confcommercio, incluse le sue diramazioni specialistiche locali come il Consorzio Mercatincittà. Ricordo che da consigliere comunale alcuni anni fa, all’indomani di un efferato omicidio avvenuto in città –ha affermato lo stesso candidato Gianni Casella – avevo proposto al Prefetto in sede di riunione straordinaria del Comitato per la Sicurezza Pubblica, una convenzione del Comune con gli istituti di vigilanza che permettesse ai commercianti di associarsi con una tariffa dimezzata. Il Prefetto mostrò apprezzamento e interesse per questa soluzione, la attuerò in caso di mia elezione a Sindaco. Dobbiamo tornare a rivedere il piano operativo delle emergenze e chiedo che un piano per la sicurezza e la legalità comprenda anche la videosorveglianza per gesti di inciviltà a partire da chi sporca le strade cittadine”.

“Il parcheggio in piazza Vittorio Emanuele  – riprendendo quanto espresso da Giusy Dente – è stato inserito nel piano triennale delle opere pubbliche soltanto nel 2011, con il sottoscritto nelle vesti di assessore ai lavori pubblici. Da questo adempimento potremo pensare ad una soluzione di project financing per trovare fondi e partner privati gestiscano la struttura. Ma i parcheggi sono parte di un problema più grande, ecco perché va rivisto il piano urbano del traffico”. Possiamo fare di più – ha concluso  l’aspirante sindaco Casella – per valorizzare la nostra identità cittadina e allo stesso tempo aiutare il commercio locale. Libri nel Borgo Antico e Calici nel Borgo Antico sono due felici esempi di questo connubio vincente. Facciamo squadra a allora, così possiamo cambiare la storia della nostra amata città”.

Dora Dibenedetto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here