Canosa di Puglia, consiglieri opposizione: «Perché il centrosinistra non ha votato per l’Albo degli amministratori?»

0
158

“Non pensavamo di rimanere soli a votare l’ordine del giorno da noi presentato per istituire una sezione dedicata agli Amministratori comunali sul Portale istituzionale del Comune di Canosa di Puglia. Ma così è stato nei lavori del Consiglio Comunale svoltisi lunedì sera. Se non fossimo spinti da una particolare energia e voglia di contribuire, la maggioranza di sinistra avrebbe gioco facile a rendere velleitario ogni nostro impegno per la Città”, dichiarano i capigruppo consiliari del centrodestra  Mariangela PETRONI, Saverio DI NUNNO, Giovanni MATARRESE e Sabino CAPORALE.

“E’ disarmante, è difficile da credere, ma è la triste realtà che stiamo registrando in ogni occasione, quella di ieri sera l’ennesima dimostrazione.

L’attività di opposizione, tradizionalmente si contraddistingue con la contrarietà ai provvedimenti proposti da chi amministra, estrinsecandosi in una attività di controllo, se non di contrasto.

La nostra, invece, non abbiamo voluto che fosse così, sia per il senso di responsabilità istituzionale, maturato nei dieci anni precedenti da chi, come il nostro ex sindaco Francesco Ventola, ha governato la Città, sia da chi per convincimento proprio non concepisce un diverso atteggiamento.

Per queste ragioni non sappiamo cosa altro fare per smontare il muro contro muro pervicacemente voluto dalla locale sinistra, da chi la rappresenta in Consiglio comunale.

La prova? Votiamo convintamente i provvedimenti della maggioranza, se ritenuti condivisibili; sosteniamo convintamente le proposte degli altri componenti l’opposizione, se ne ravvisiamo l’utilità per la Città; proponiamo assiduamente temi e problematiche sui quali il Consiglio può svolgere il ruolo di indirizzo politico: cosa altro possiamo fare difronte ad una maggioranza di sinistra sorda, preconcetta e, forse, poco preparata ed in ritardo?

Ha fatto quasi tenerezza il genuino intervento in Aula della Consigliere dei PD Antonella Cristiani che si rammaricava degli scarsi risultati residuati ai lavori dell’Aula. Da giovane consigliera alla prima esperienza, si aspettava una più efficace ed incidente attività del Consiglio Comunale. Innocentemente, però, non si avvede dell’effetto boomerang sulla sua coalizione.

Al di là dei limiti di competenza del Consiglio comunale, è l’Amministrazione che ha il diritto/dovere di realizzare quanto proposto nel programma elettorale in termini di obiettivi e strategie.

Nel senso di cui innanzi, come opposizione abbiamo sempre dichiarato, però, di voler contribuire. Cosa altro crede che sia, la Cristiani, quando sollecitiamo l’evasione del PUG per i ritorni in termini di sviluppo e semplificazione, quando con l’approssimarsi di termini di scadenza sollecitiamo gli adempimenti per gli Uffici distaccati del Tribunale e del Giudice di Pace, per il dimensionamento scolastico, per il Piano di Recupero delle Periferie e per la scuola media della zona della zona 167, per il teatro comunale Lembo e così via? Dentro ci sono interventi ed opportunità per giovani, famiglie, imprenditori, servizi.

Tornando alla questione iniziale, in un momento particolarmente segnato dall’antipolitica, la nostra iniziativa voleva offrire un ulteriore punto di contatto con la gente, di trasparenza e condivisione.

Con la nostra proposta di ordine del giorno abbiamo tradotto concretamente gli stessi principi, peraltro ravvisabili anche sul piano etico, dei più recenti richiami di legge.

E’ di questi giorni, in tal senso, la pubblicazione, sul sito del Ministero della Pubblica Amministrazione e Semplificazione, della classifica dei siti web delle pubbliche amministrazioni: tra le Provincia la nostra di Barletta-Andria-Trani è al 1° posto ex equo, mentre il Comune di Canosa è in una buona posizione ma sicuramente migliorabile.

Per il resto, lo avete scritto anche sul vostro Programma, che forse avete dimenticato in qualche cassetto, se pensiamo ad esempio al “bilancio partecipato”. Nella sezione Partecipazione e Trasparenza si legge di Albo degli amministratori consultabile sulla pagina web del Comune; facendo una mera elencazione esemplificativa, parlavate  di molte delle notizie sugli amministratori che noi riteniamo possano essere di dominio pubblico, lasciando l’iniziativa ai singoli amministratori. Perché a parole  tutti avete condiviso mentre poi avete votato contro? Perché non condividete ciò che voi stessi avete immaginato istituendo una specifica delega assessorile? Forse lo farete in seguito, ma in ritardo e comunque senza neanche aver provato a condividere qualcosa con chi vi offre la possibilità di essere coerenti anche con il vostro stesso elettorato. Pazienza!”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here