Barletta, Rizzi (Pdac): «Chiusa l’epoca Maffei, bisogna aprirne una nuova»

0
139

“L’epoca Maffei si è chiusa in maniera ingloriosa con un gruppo di congiurati che ne hanno decretato la fine politica. Adesso bisogna rapidamente voltare pagina ma senza escamotage, senza imbrogli ai danni dei lavoratori barlettani. Noi di Alternativa comunista siamo stati i soli a sostenere che Maffei dovesse dimettersi, ancor prima che gli scontri sulla divisione delle poltrone tra potentati locali, ne decretassero le dimissioni e la mancanza della maggioranza.

Abbiamo assisitito all’unione di pezzi di centrosinistra al centrodestra per raggiungere i numeri per mandare a casa Maffei, il tutto nell’alveo di interessi economici bipartisan tra entrambi gli schieramenti.

Adesso va ridata la parola ai lavoratori, a coloro che vengono quotidianamente sfruttati sul lavoro, ai piccoli commercianti che pagano in maniera pesante i costi della crisi mentre gli ipermercati si arricchiscono, ai precari che vivono con poche centinaia di euro al mese.

Però una cosa deve essere chiara. Tutti hanno fallito, da coloro che hanno sostenuto Maffei a coloro che l’hanno sfiduciato!

Per questo cosa importante sarebbe che non si ricandidassero più poichè sono stati anche loro i responsabili di anni di crollo economico nella città di Barletta.
Noi di Alternativa comunista avvieremo al più presto incontri ed assemblee con movimenti di lotta impegnati come noi nelle battaglie su ambiente e lavoro per costruire, anche alle prossime elezioni comunali, una vera alternativa di potere dalla parte dei lavoratori e contro i campioni del trasformismo borghese e della salvaguardia degli interessi dei potentati economici di Barletta”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here