Barletta, a colloquio con Enrico Fusco (Pd): diritto di cittadinanza, unioni civili e “fine vita”

0
244

L’avvocato Fusco, componente della segreteria regionale del PD Puglia ed esponente del comitato Puglia per Bersani, ha esposto e analizzato i punti salienti (Diritto alla cittadinanza, Unioni civili e “fine vita”) sui quali si basa la proposta sui diritti civili del candidato alle primarie Pierluigi Bersani.

Fusco,  sostenitore del segretario nazionale del Pd, ha voluto sottolineare l’importanza dei diritti civili in un Paese quale  appunto l’Italia ancora arretrato, sotto questo aspetto,   rispetto ad altri paesi europei; i quali,  nonostante abbiano governi  “conservatori” come per esempio Inghilterra e Germania, sono ampiamente più “civili” e all’avanguardia rispetto al nostro paese.

“ Bersani ha affermato che il primo provvedimento del suo prossimo governo sarà il riconoscimento del diritto di cittadinanza agli immigrati di seconda generazione ovvero figli nati in Italia da cittadini stranieri, per non assistere a fenomeni come quello accaduto in Veneto, dove una coppia di immigrati a causa della perdita di lavoro è stata rinchiusa in un CIE ( Centro di Identificazione e Espulsione,  prima denominati centri di permanenza temporanea) insieme ai figli, nati appunto in Italia” ha sottolineato l’attivista.

“Bersani – ha proseguito Fusco  – si è impegnato a riconoscere le unioni omosessuali sulla base del modello in vigore in Germania”. Il Segretario del Partito Democratico prevede anche di regolarizzare la posizione di quei bambini che già vivono in Italia all’interno di famiglie omosessuali. “Sono più di centomila i bambini che crescono e vivono in Italia con coppie omosessuali – ha evidenziato l’attivista.”

Fusco sostiene Bersani e non Vendola, nonostante quest’ultimo parli apertamente di estensione del diritto al matrimonio alle persone omosessuali, anzi accusa il leader di SEL di fare del suo sostegno  al matrimonio fra coppie omosessuali uno “slogan elettorale”, perché fino a pochi mesi fa lo stesso Vendola si dichiarava favorevole alla regolamentazione delle unioni civili. D’altro canto, dice Fusco, l’apertura di Vendola al matrimonio sposta in alto l’asticella della legge che verrà, che dovrà essere allo stesso livello delle più avanzate legislazioni straniere, come sostiene Bersani.

“Visti i problemi ideologici che ci sono nel nostro paese intorno alla estensione del diritto al matrimonio in favore delle persone omosessuali, dice Fusco, intanto, risolviamo il problema dei diritti e delle unioni civili con una legge che parifichi la dignità sociale e giuridica di queste coppie a quelle sposate”.

I diritti sociali come per esempio il diritto al lavoro e i diritti civili che regolamentano le libertà di ogni singolo individuo devo essere paralleli e andare di pari passo –  questo è stato un altro importante passaggio sul quale ha voluto soffermarsi l’esponente del PD – ciò che noi perseguiamo è un vero e proprio modello di “Laicità costituzionale”. Ribadisco il mio appoggio al candidato premier Bersani, anche perché nella sua carta dei diritti sostiene una legge contro l’omofobia, si fa portavoce del rispetto delle donne favorendo la parità di genere e permettendo al contempo una vera e propria rivisitazione del Welfare che possa consentire alla donne maggiore partecipazione alla vita politica e pubblica del paese, poi nei sui intenti – ha proseguito Fusco – è prevista anche  l’approvazione di una legge sul Fine vita che rispetti la volontà della persona malata di “staccare la spina” nel caso si trovi in una condizione di respirazione o alimentazione forzata; dovrà essere perseguita anche  una corretta applicazione della legge 194 sull’aborto, e pertanto anche una più ampia diffusione dei consultori. Infine, ha concluso il responsabile dei diritti del PD regionale – dovrà essere riscritta in modo più liberale la legge 40 sulla procreazione assistita, rifacendosi a quanto deciso dalla corte costituzionale e dalla corte  europea di giustizia.”

 

Dora Dibenedetto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here