Trani, Renzi presenta il suo programma elettorale per le primarie: «Bisogna cambiare»

0
189

“Alla nostra generazione è stata tolta la fiducia nel futuro. Chi ci ha cacciato in questo guaio, oggi non è credibile nelle vesti di salvatore  – ha affermato nel corso del dibattito  Matteo Renzi – , tornare a guardare il futuro con speranza. Quelli della mia generazione sono abituati a parlare, lamentarsi ma non ad agire. Comunque andranno le cose io questo rigore voglio calciarlo, non farlo sarebbe da vigliacchi”.

“Nessuno lo dice, io scaramanticamente non ne parlo – prosegue il candidato fiorentino – Chi mi teme è solo perché sa che avrebbe chiuso col vitalizio parlamentare. Se perdo, niente scuse. Non accetterò premi di consolazione, incarichi ministeriali, non sarò in Parlamento né rivendicherò spazi nel sottobosco. Se perdo non si scappa, non si fa un partito alternativo ma giuro lealtà. E non mi va neanche di criticare le regole delle primarie anche quelle che prima non c’erano e che oggi per magia sono state fatte comparire.”

Renzi ha poi incalzato mostrando al pubblico in sala quelli che a suo avviso potrebbero essere gli strumenti e le risorse con le quali migliorare  il sistema fiscale,  politico ed economico italiano affermando che: “Saremo un paese civile quando pubblicheremo tutte le fatture on line senza nasconderle nel tritacarte . La battaglia sulle tasse va fatta non con le parole o inseguendo scontrini. Bisogna investire sul merito e sul capitale umano. Mi piacerebbe – ha concluso l’esponente democratico – che sui giornali si parlasse delle idee dei candidati per le primarie e non dei rapporti tra i candidati. Non certco scontri all’ultimo sangue ma un’occasione vera per dare all’Italia un’alternativa”.

Dora Dibenedetto

Per le foto di Matteo Renzi a Trani, clicca qui

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here