Regione Puglia, bando per impianti di spumantizzazione. Caracciolo: “Imprese della Bat si attivino”

0
584

L’aiuto viene concesso per incentivare la realizzazione di investimenti che garantiscano l’attivazione di raccordi sinergici tra le fasi di produzione, commercializzazione e trasformazione delle filiere forestali.

L’Obiettivo specifico del bando è il sostegno per la realizzazione a livello regionale di impianti per la produzione di vini spumanti a Denominazione di Origine Protetta (DOP) e a Denominazione Geografica Protetta (IGP). Il bando, dunque, prevede la realizzazione degli impianti di produzione, l’imbottigliamento e confezionamento di vini spumanti. I beneficiari della misura sono micro, piccole e medie imprese che svolgono attività di trasformazione e/o commercializzazione.

Gli investimenti materiali ammissibili riguardano esclusivamente l’acquisto e l’installazione di linee di lavorazione per la produzione, l’imbottigliamento ed il confezionamento di vini spumanti rivenienti da quelli pugliesi riconosciuti D.O.P. e I.G.P. Potranno essere ammessi a finanziamento le seguenti tipologie di impianti/macchine/attrezzature per la produzione, l’imbottigliamento ed il confezionamento per la produzione di vini secondo tre tipi di classificazione: ‘Metodo Classico’, ‘Metodo Charmat lungo’, ‘Metodo Charmat corto’.

Per la realizzazione degli investimenti è previsto un sostegno pari al 50% del totale della spesa ritenuta ammissibile. Sono ammissibili al finanziamento gli interventi che prevedono un volume minimo di investimento di € 200.000,00 e un volume massimo di investimento di € 2.000.000,00.

Invito – sottolinea il consigliere regionale Filippo Caracciolo – tutte le aziende del settore presenti sul territorio regionale ed in particolare della provincia di Barletta-Andria-Trani entro la data di scadenza del bando cioè il prossimo 21 ottobre a prendere in considerazione l’opportunità messa a disposizione della Regione. Segnalo che tra i potenziali beneficiari della misura rientrano micro, piccole e medie imprese anche in forma associata. Il bando potrebbe anche essere l’occasione per la nascita di sinergie che apportino vantaggi e benefici all’intero comparto”.

“Il presente bando – continua Filippo Caracciolo – si inserisce in una politica strutturata promossa negli anni dal governo regionale grazie alla quale oggi la Puglia è sinonimo di eccellenza. L’ultima conferma è arrivata dai dati ISTAT: secondo i dati delle esportazioni del primo semestre 2014 la Puglia, in controtendenza con tutte le altre regioni del sud, ha segnato un +9,4%. Si tratta di un risultato straordinario che testimonia che la direzione intrapresa è quella su cui continuare a lavorare.

“Il bando per l’Accrescimento del valore aggiunto dei prodotti agricoli e forestali con risorse utili a potenziare il numero di impianti per la spumantizzazione di vini di qualità presenti sul territorio regionale è un ottimo strumento per consolidare il primato della Regione Puglia, in un’ottica di sviluppo che passa dalla valorizzazione del territorio e dall’incremento di crescita e occupazione. Vorrei stimolare – conclude Filippo Caracciolo – i produttori presenti nella provincia di Barletta-Andria-Trani affinché possano, con la qualità che contraddistingue il loro lavoro, farsi apprezzare sempre più anche nel contesto dell’ampio e variegato mercato nazionale e internazionale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here