Pd Puglia, mancato versamento quote al partito. On. Boccia: «Deputati e consiglieri regionali diano il buon esempio»

0
286

“Ho appreso con stupore, da alcuni organi di stampa locali, che le casse del Pd pugliese sarebbero vuote perché molti deputati, consiglieri e assessori regionali eletti tra le fila del PD non verserebbero la quota dovuta al partitoSecondo quanto denunciato da TgNorba, infatti, a differenza di chi, come il sottoscritto, ha versato correttamente la propria quota, se non anche una cifra maggiore, in alcuni casi, invece, qualcuno sarebbe in debito, addirittura, di molte migliaia di euro, con la conseguente impossibilità per il partito locale di pagare gli stipendi ai propri dipendentiSe tutto ciò fosseconfermato sarebbe un fatto di una gravità inaudita. Nel Partito Democratico abbiamo delle regole, condivise da tutti, e abbiamo il dovere di osservarle. È un segno di rispetto verso il nostro Partito e verso tutta la comunità democraticaMi auguro che i miei compagni di partito possano chiarire al più presto la loro posizione e dare il buon esempio. Anche perché a risentirne non sarebbe solo la credibilità di alcuni esponenti politici della nostra regione ma, stando a quanto riportato, per i sei dipendenti coinvolti ci sarebbe anche il serio rischio di licenziamento”.

La risposta del deputato PD Francesco Boccia è arrivata dopo le polemiche suscitate dall’articolo pubblicato sul sito Noinotizie.it dal titolo: “Il Pd della Puglia è in bolletta: a rischio il lavoro dei sei dipendenti”, secondo cui molti eletti del Partito Democratico non versano il dovuto nelle casse del PD pugliese. Per i molti in regola, come Pelillo e lo stesso Boccia, ce ne sarebbero molti altri in mora.

Francesco Boccia, secondo quanto riportato dal Tgnorba, non solo è in regola ma ha anche versato di più al partito. Ma non pochi, fra consiglieri e assessori regionali e deputati pugliesi eletti nella lista del partito democratico, non versano le quote. Eppure nel regolamento interno la situazione è descritta con chiarezza: se eletti, bisogna versare le quote per mantenere in vita l’organizzazione del partito. Chi non è in regola con i pagamenti non può essere ricandidato.

 

Fonte: comunicato stampa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here