Barletta, attivato Centro provinciale per l’Occupabilità Femminile

0
186

Stamani l’inaugurazione alla presenza del Presidente della Provincia Francesco Ventola, degli Assessori provinciali Gennaro Cefola e Dario Damiani e del Consigliere provinciale Luigi Antonucci.

La nascita del Centro per l’Occupabilità Femminile, finanziato dalla Regione Puglia con un importo di 48mila euro (la Provincia garantirà invece la presenza di proprie risorse umane) è una delle numerose iniziative nell’ambito sociale di Provincia Amica.

Esso sarà rivolto a donne disoccupate ed inoccupate per offrir loro strumenti di conoscenza delle proprie risorse, del mondo del lavoro, delle opportunità e di tutti i servizi presenti sul territorio che contribuiscono ad affrontare le numerose problematiche del mondo femminile.

«Il Centro per l’Occupabilità Femminile sarà un luogo in cui le donne potranno trovare risposte ai loro bisogni in termini di informazioni, orientamento, consulenza individualizzata, ricerca di opportunità formative e lavorative, conoscenza di normative e strumenti per l’autoimprenditorialità e conoscenza dei servizi presenti sul territorio – ha affermato il Presidente della Provincia di Barletta – Andria – Trani Francesco Ventola –. Non è un caso che questo centro nasca proprio a Barletta, nella città in cui il 3 ottobre del 2011 persero tragicamente la vita cinque donne. La crisi economica ha ulteriormente penalizzato il mondo femminile, già storicamente connotato da “debolezze” legate al ruolo familiare/sociale. Una percezione, questa, che ci viene confermata anche dai nostri Centri per l’Impiego, che quotidianamente osservano questa difficile condizione femminile legata al mondo del lavoro. Con la nascita del Centro per l’Occupabilità Femminile – ha concluso il Presidente Ventola – poniamo un nuovo tassello nella vasta gamma di servizi in favore del tessuto sociale e del mondo del lavoro della nostra Provincia».

Con il Centro sarà creata una Rete Territoriale con i Settori Servizi Sociali ed Attività Produttive della Provincia, i Servizi Sociali dei Comuni, le realtà associative locali che si occupino di problematiche femminili, associazioni di servizio agli immigrati, l’Agenzia per l’Inclusione sociale, gli Istituti scolastici superiori, le Università, Enti di Formazione accreditati, Informagiovani, Associazioni datoriali, Organizzazioni sindacali e Comitato per l’Imprenditoria femminile presso la Camera di Commercio.

Previste, inoltre, sessioni informative e workshop tematici, in collaborazione con gli istituti scolastici, finalizzati all’individuazione di percorsi di orientamento per le giovani che frequentino l’ultimo anno di scuola secondaria superiore, da svolgersi annualmente preso ciascun istituto superiore del territorio.

Una psicologa, reclutata dalla short list esistente presso il Settore Politiche del Lavoro della Provincia, sarà a disposizione del Centro, per il supporto a situazioni con problematiche specifiche, mentre un consulente esperto in autoimprenditorialità femminile (messo a disposizione da Confesercenti Bat) supporterà le donne interessate alla creazione di impresa. Il tutto con la fattiva collaborazione della Consigliera di Parità della Provincia, Stefania Campanile, per interventi negli incontri informativi e di orientamento.

[nggallery id=873]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here