Trani, presentati i Neet: tirocini in azienda per neolaureati

0
151

Il progetto, curato da Italia Lavoro e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, mira come detto ad offrire a 3.000 giovani un percorso di tirocinio di durata semestrale, riavvicinandoli nella ricerca di occupazione attraverso un’esperienza in azienda.

Beneficiari del progetto sono giovani laureati dai 24 ai 35 anni non compiuti e le imprese del territorio che intendano ospitarli. L’attività verrà svolta attraverso l’utilizzo di un sistema formativo che è “cliclavoro.it”, il portale nazionale di incrocio tra domanda ed offerta di lavoro, dove le imprese possono inserire le proprie offerte di tirocinio.

I ragazzi laureati, attraverso la stessa procedura, possono aderire al progetto NEET, verificando così le offerte di tirocinio e candidarsi.

Tutto avviene online: quando l’impresa individua il tirocinante, lo comunica ad Italia Lavoro che interviene per redigere il piano formativo, firmare la convenzione ed attivare le procedure burocratiche che permetteranno all’impresa di sperimentare nuove risorse umane ed al giovane di avere una nuova esperienza lavorativa con sostengo al reddito di 500 euro al mese per sei mesi.

«In questa delicata fase di congiuntura economica, il mondo dei giovani è certamente il più tartassato, con percentuali di disoccupazione elevate ed ancor più accentuate al Sud – ha spiegato in apertura dei lavori l’Assessore provinciale alle Politiche Attive del Lavoro e Formazione Professionale Giovanni Patruno -. Sono sempre più i giovani laureati e meritevoli che non riescono a trovare sbocchi occupazionali. Pertanto, lo strumento dei tirocini in azienda, in Europa molto diffuso, può rappresentare un concreto sbocco occupazionale, cui i giovani devono guardare con interesse. Non a caso, proprio nei giorni scorsi abbiamo organizzato un incontro per illustrare le nuove discipline attuate dalla Regione in materia di tirocini formativi. Non dimentichiamo anche che le imprese, oggigiorno, hanno bisogno di innovazione: poter contare su idee valide ed innovative dei giovani sarebbe davvero molto vantaggioso» ha poi concluso l’Assessore Patruno.

Ha portato il saluto della Città di Trani il Sindaco Luigi Riserbato, che si è detto grato alla Provincia «per l’ottimo lavoro svolto dalla Provincia nell’ambito delle Politiche del Lavoro e della Formazione Professionale. Mi auguro che i giovani di questo territorio sappiano cogliere al volo questa possibilità, vivendo un’esperienza gratificante che potrà certamente arricchire il proprio curriculum e le aziende presso le quali presteranno servizio».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here