A Barletta è “Mennea Day”: avviate le celebrazioni nel ricordo dell’atleta campione mondiale

0
239

Una platea fatta di tantissimi giovani e ragazzi, di eminenti personalità del mondo della politica, delle Istituzioni, dello sport, della cultura. In apertura Isidoro Alvisi, Delegato CONI Bat, usa parole piene di stima e affetto nel ricordare Pietro Mennea, cogliendo l’occasione per affermare quanto sia importante per la vita dei giovani atleti l’esistenza di qualificate associazioni sportive sul territorio. La presenza tra il pubblico di numerose società di atletica, e non solo, lascia ben sperare per il futuro. Ciò che ha reso grande il nostro Campione è stata, infatti, proprio la possibilità di allenarsi in loco con una buona società di atletica come l’AVIS. Quando a Mennea parve inopportuno continuare i suoi allenamenti a Barletta, perché inappropriate le strutture sportive, la “Freccia del Sud” decise di trasferirsi a Formia, sede del centro sportivo del CONI. Così si è venuto a creare una sorta di gemellaggio sportivo tra le due città che proprio oggi nel Castello di Barletta è stato ufficializzato: la città laziale è stata per Mennea come una seconda casa, tanto da ricevere la cittadinanza onoraria.

Così sia il Sindaco di Barletta, Pasquale Cascella,che la dott.ssa Eleonora Zangrillo in qualità di vice-Sindaco di Formia hanno espresso tutta la loro soddisfazione nella scrittura di questo nuovo capitolo “sulla strada verso l’impegno, il lavoro, il sacrificio, così come Pietro Mennea ha dimostrato nei suoi anni di agonismo: per questo Mennea è un modello da imitare”, dice appunto la dott.ssa Zangrillo; per Cascella “è un modo per continuare a sentire la sua presenza ancora forte, nonostante i tanti anni passati dalle ormai lontane vittorie”.

Nicola Perrone, Direttore del Centro di preparazione olimpica di Formia, ha voluto ricordare quanto sia forte il legame, il reciproco rapporto che lega Mennea e Formia “L’uno ha dato all’altra e viceversa. E Pietro è diventato così grande, perché un uomo dedito al sacrifico costante. A voi giovani dico che dovete instancabilmente sudare. Solo questo ha reso immortale quel gesto di esultanza e vittoria che Mennea esibiva all’arrivo, cioè, quel dito teso verso il cielo.”

Il programma della serata è proseguito con la presentazione di due libri,entrambi incentrati sulla vita di Mennea: “Soffri ma sogni. Le disfide di Pietro Mennea” di Stefano Savella e “Quella maledetta voglia di vincere” di Renato Russo. Sebbene il protagonista sia lo stesso, ciò che viene ricercato dai due scrittori è diverso: Savella cerca attraverso le sue ricerche e le sue interviste di delineare la figura di un campione che non c’è più; Russo, invece, descrive la tenacia di Pietro Mennea in quei giorni in cui era semplicemente una ragazzo dell’Istituto “Cassandro” e non ancora la celebre “Freccia del Sud”. Cosa ha spinto Savella alla scrittura è stato il desiderio di conoscere una personalità tanto carismatica che non si potrà più incontrare; il “la” per Russo è stata la imperitura passione della gente nei confronti di Mennea.

[nggallery id=748]

Ed infatti, toccanti e pieni di emozioni sono stati i ricordi del Prof.Francesco Mascolo, primo allenatore di Mennea, e dei tanti suoi amici che hanno voluto ricordare l’indole forte e caparbia dell’atleta. In conclusione la videoproiezione del cortometraggio “Diciannove e settantadue“, realizzato dal regista Sergio Basso che ha riassunto nella sua pellicola la vita di un uomo semplice che attraverso il lavoro, il sacrifico e il lavoro è riuscito nell’impresa. Per commemorare l’evento è stato realizzato uno speciale annullo filatelico in ricordo del record del mondo dei 200 metri piani stabilito a Città del Messico il 12 settembre 1979, a cura del Comitato Pro Canne della Battaglia.

Per giovedì 12 settembre, data del “Mennea Day”, a Barletta è stata organizzata una serie di gare da disputare, inizio ore 17,00, nello Stadio Comunale “Cosimo Puttilli”: ci saranno gare di velocità sui 200 metri riservate alle varie categorie in base al programma della FIDAL, Comitato provinciale Bari-Bat, una gara di eccellenza sui 200 metri con annessa cerimonia di premiazione. A rendere ancora più solenne la manifestazione, prevista la partecipazione del Presidente del Senato della Repubblica italiana, sen.Pietro Grasso, che provvederà alla posa sulla pista dello stadio barlettano della targa celebrativa del record del mondo dei 200 mt sul livello del mare (19’96”) stabilito il 17 agosto 1980.

Ma il “Mennea Day” si svolgerà anche in altre 60 città italiane: le piste e le piazze delle città faranno da scenografia a mostre e convegni, oltre che a gare su i 200 metri piani. L’organizzazione delle gare è ad opera della Fidal: gare sui 200 metri aperte ad ogni categoria, atleti professionisti e non. Ovunque si potrà partecipare (i tesserati nella manifestazione agonistica, i non tesserati in quella promozionale) versando una quota simbolica di iscrizione, fissata in un euro, e destinata alla Fondazione Pietro Mennea Onlus, organizzazione voluta dal campione azzurro ed impegnata in iniziative di solidarietà sociale. Una data particolare, quella del 12 settembre, visto che cade proprio nel 34° anniversario del giorno in cui, all’Universiade di Città del Messico nel 1979, l’atleta italiano stabilì l’incredibile record mondiale con il tempo di 19’’72, che resistette per ben 17 anni: un omaggio alla memoria della “Freccia del Sud”, all’Olimpionico di Mosca 1980, prematuramente scomparso a 61 anni lo scorso 21 marzo.
Michele Noviello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here