Provincia Bat, eletto il nuovo presidente del Consiglio: è Vincenzo Valente (Ppdt)

0
541

Appena eletto, il neopresidente del Consiglio provinciale ha dichiarato: «E’ per me un onore ricoprire la carica di Presidente del Consiglio provinciale e l’elezione all’unanimità è un ulteriore motivo d’orgoglio – ha commentato, emozionato, Vincenzo Valente -. Non posso che ringraziare il Presidente Francesco Ventola ed i Dirigenti di partito che hanno condiviso tale scelta, nonché tutti i colleghi Consiglieri che hanno riposto una fiducia unanime nei miei riguardi. In diciotto anni di esperienza politica, non ho mai ricoperto una carica tanto importante. Garantisco tutto il mio impegno per svolgere tale incarico di garante dell’intero Consiglio provinciale, onorando le aspettative dei cittadini della Provincia di Barletta – Andria – Trani con il massimo senso delle istituzioni».

Prima dell’elezione di Vincenzo Valente, era toccato all’ ex Presidente del Consiglio provinciale, Luigi Riserbato, ufficializzare in aula, decisamente commosso, le proprie dimissioni. «Come noto nei giorni scorsi ho rassegnato le dimissioni dall’incarico di Presidente del Consiglio per ragioni che ho definito di sobrietà politica – ha affermato Riserbato -. Nessuna norma, infatti, sancisce l’incompatibilità tra la carica di Sindaco, alla quale medio tempore sono altresì designato per volontà del popolo tranese, con quella che ho ricoperto sino ad oggi all’interno dell’assise provinciale. Non vi è inoltre alcuna possibilità del cumulo di indennità dei due incarichi che è appunto non consentita da recenti disposizioni legislative.

Sussistono tuttavia a mio parere ragioni che ho appunto definito di opportunità politica e di sobrietà della stessa, a volte solo decantata dai poteri centrali e richiesta invece a piè sospinto alle articolazioni periferiche dello Stato che oramai svolgono ogni tipo di incarico elettivo animati esclusivamente da una passione personale ed istituzionale, che spinge gli stessi a muoversi ed a districarsi in un percorso irto di ostacoli e di difficoltà. Una esclusività di ruolo che ritengo giusto si debba assicurare in questi tempi nell’uno o nell’altro incarico apicale per il quale è chiesto comunque di profondere il massimo delle proprie energie.

Avverto forte in questo momento di ideale passaggio delle consegne la storicità dei giorni trascorsi e di quelli da trascorrere anche per le sfide che ci attengono – ha poi proseguito Riserbato -. Sono ben consapevole di essere stato il primo Presidente del Consiglio provinciale di Barletta – Andria – Trani, peraltro eletto a scrutinio palese per una straordinaria intuizione del nostro Presidente Francesco Ventola, con il quale il rapporto in questi tre anni è stato improntato al rispetto dei ruoli, all’aiuto reciproco, alla sempre massima intesa (a volte comunicata con un semplice sguardo di approvazione, di compiacimento).

Appena eletto ho avuto un sicuro punto di riferimento nella Segreteria Generale Maria De Filippo, con cui ho condiviso la stessa la stanza del presidente del Consiglio della Provincia di Bari, gentilmente messaci a disposizione; in quella condivisione logistica è subito nata una condivisione di valori di modo di intendere l’attività di vita amministrativa del Consiglio. E’ stato meraviglioso constatare come nel giro di pochi mesi il nostro entusiasmo aveva evidentemente contagiato tanti altri valenti funzionari e dipendenti della Provincia madre, che sembravano voler giocare e vincere insieme a noi una partita difficile ed esaltante della creazione dal nulla di un nuovo ente. Mi fa piacere a riguardo menzionare la dott.ssa Francesca Avesani, autentico esempio del modo migliore di come si può adempiere al proprio lavoro con passione, dedizione, onestà. A loro è poi sopraggiunta la Dirigente del Settore Affari Generali Anna Lisa Camposeo, che nel corso dei precedenti anni lavorativi si era occupata di altre materie e che ha fatto dell’umiltà e della capacità di rimettersi egregiamente in discussione due eccelse qualità. Insieme a loro ma soprattutto insieme a tutti i Consiglieri provinciali abbiamo vissuto delle pagine indimenticabili.

Memorabili rimangono le sedute della Commissione speciale Statuto e Regolamento, nel corso delle quali, come dei costituenti, abbiamo scritto insieme gli articoli di questi due preziosi strumenti normativi della vita del nostro Ente. L’approvazione degli stessi e la conseguente scelta della sede legale della Provincia non sono stati momenti facili ma sono stati ampiamenti superati da una gran voglia di fare, di operare per i nostri dieci Comuni. Abbiamo ospitato nella nostra Sala Consiliare illustri personalità del mondo istituzionale, religioso, militare, tante scolaresche, dando sempre buona prova delle nostre capacità dialettiche e politiche. Abbiamo vissuto un momento di infinito dolore con la scomparsa del collega Ciccio Salerno, ma anche grazie a Lui ci siamo scoperti più uniti da uno spirito di comunione fraterna e di senso di appartenenza. Ho avuto il piacere di insediare le sei Commissioni Consiliari che anche grazie ai loro Presidenti e componenti funzionano in modo egregio fornendo sempre apporti qualificati alle istruzioni degli atti. Sono certo altresì che a breve daranno i loro frutti le Commissioni speciali della revisione dello Statuto e del Regolamento e della Casa Divina Provvidenza, per le problematiche sanitarie ed occupazionali del nostro territorio. Un bilancio dunque tutt’altro che trascurabile, congiunto a tante altre iniziative, che mi porta senz’altro ad affermare che siamo stati bravi e volenterosi – ha concluso Riserbato -.

Spero infine nel corso di questi tre anni di aver sempre meritato la fiducia di tutti i Consiglieri, di esser stato all’altezza del ruolo assegnatomi e di aver assolto allo stesso con imparzialità ed equilibrio. Se in qualche aspetto ho mancato, chiedo scusa.  E’ stata per me un’esperienza di vita indimenticabile».

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here