Margherita di Savoia, piano di rientro: sindaco e dirigenti ascoltati a Bari dalla Corte dei Conti

0
329

 Dopo l’illustrazione di tutte le osservazioni da parte del magistrato istruttore, è toccato al sindaco, Paolo Marrano, accompagnato dai responsabili degli uffici finanziari e dal segretario generale, presentare le controdeduzioni dell’Amministrazione comunale, per rispondere ai chiarimenti su alcuni aspetti del piano di rientro. Nel corso dell’udienza è emerso un dato: non è in discussione la gestione finanziaria dell’Amministrazione Marrano (nel periodo compreso da giugno 2013 al primo semestre di quest’anno), ma resta sotto la lente della Corte dei Conti il rendiconto 2011/2012.

Alla richiesta dei chiarimenti sui contenuti del piano di rientro, il sindaco Marrano ha illustrato in dettaglio tutte le attività messe in atto dall’Amministrazione comunale per far fronte alla pesante situazione finanziaria dell’Ente. Il primo cittadino ha evidenziato gli interventi relativi alla riorganizzazione degli uffici, a partire da quelli capi saldo per il funzionamento di un Comune, come l’ufficio ragioneria e l’ufficio tecnico, nei quali sono state accorpate tutte le attività di competenza; ha ricordato che nel bilancio per il 2014 è stato prevista una massiccia razionalizzazione delle spese; ha sottolineato come siano stati riattivati tutti i lavori pubblici che erano interrotti da tempo (rifacimento di viale Ofanto, l’Halité, il Fishermann nella zona del porto, il Pirp, l’efficientamento energetico per Palazzo di Città, gli interventi al Villaggio dei salinieri, la ristrutturazione dell’edificio scolastico “Galante”).

Su altri due aspetti, ritenuti imprescindibili per il piano di rientro, si è incentrato l’intervento del sindaco: la ricostituzione del fondo per le anticipazioni di cassa e la ricostituzione dei fondi vincolati. “Nel primo caso – spiega Marrano – ho evidenziato alla Corte dei Conti che l’attuale Amministrazione utilizza saltuariamente l’anticipazione di cassa e provvede regolarmente ad effettuare i pagamenti con le risorse del proprio bilancio. Si tratta di un risultato di fondamentale importanza che sta a significare come il Comune sia uscito dalla palude finanziaria in cui era venuto a trovarsi”. A proposito dei fondi vincolati (come quelli relativi alla ex Saibi, i cui lavori di bonifica sono ripresi in questi giorni) il sindaco ha ricordato che “la loro ricostituzione ha consentito e permetterà di riavviare i lavori pubblici che erano fermi”. Adesso si attende la decisione della Corte dei Conti: “Siamo ancora sotto giudizio – commenta Marrano – ma auspichiamo che, in tempi brevi, si possa chiudere una questione di estrema vitalità per la nostra Margherita di Savoia”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here