Andria, collegamento via Di Ceglie-via Mozart: avviati i lavori

0
264

Successivamente la Giunta approvava a dicembre 2011 il progetto definitivo ed a giugno 2013 il Settore Lavori Pubblici dava il via libera al progetto esecutivo a cui è seguito, quindi, il bando dei lavori. In questa settimana, ottenuto il verbale di consegna, sono stati, così, avviati i lavori.

Ciò avviene a ben dieci anni di distanza dalla Delibera di Consiglio Comunale approvata a maggio 2004 nella quale, all’interno del progetto inerente il nuovo centro parrocchiale “Cuore Immacolato di Maria”, era stato stabilito di modificare il tracciato del proseguimento di via Di Ceglie fino a via Mozart.

L’intervento riguarderà il completamento della strada interna denominata via Di Ceglie sino ad una rotatoria dalla quale si dipartono due nuove strade, la prima che porta a via Mozart e la seconda che raggiunge via Paganini. Quest’ultima via corre parallela alla recinzione del nuovo complesso parrocchiale del Cuore Immacolato di Maria.

La costruzione di queste strade permetterà una riduzione del traffico veicolare lungo la viabilità adiacente. Ad angolo fra la nuova strada e via Mozart sarà realizzato un parcheggio pubblico per 24 vetture.

“Questa Amministrazione – commenta il Sindaco, avv. Nicola Giorgino – si è fatta carico di tutte le fasi progettuali e di tutti gli oneri economici previsti per il progetto della strada di collegamento tra via Di Ceglie, via Paganini e via Mozart. Era dal lontano 2004 che i residenti della zona, giustamente, chiedevano a gran voce la realizzazione di questa importante opera infrastrutturale. Abbiamo, così, dato seguito alle parole e colmato gli errori del passato, dimostrando, ancora una volta, di essere attenti alle istanze dei cittadini e concreti nella risoluzione dei problemi”.

“Tutte le strade di nuova costruzione – afferma l’assessore ai lavori, avv. Pierpaolo Matera – saranno dotate di rete per lo smaltimento delle acque meteoriche, reti per la fibra ottica e impianti di pubblica illuminazione di ultima generazione Numerose sono state le difficoltà sia tecniche che giuridiche alle quali abbiamo fatto fronte visto anche il coinvolgimento di altri enti nell’iter procedurale, ma oggi siamo felici di portare a risoluzione un’altra questione irrisolta in passato”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here