Barletta, celebrazioni 12 settembre. Franco Marini: «L’onore ai caduti è un dovere dello Stato»

0
770

Sin dalla mattinata in Prefettura, con l’inaugurazione della mostra “Spunti di ricerca storica per le celebrazioni nella Provincia di Barletta Andria Trani del centenario della Grande Guerra”, presentata dal prefetto Clara Minerva e curata dall’ Archivio di Stato con la presenza del Soprintendente archivistico per la Puglia  dott.ssa Maria Carolina Nardella, in collaborazione con il Comune; una mostra che, come hanno precisato la dottoressa Nardella e il prefetto Minerva, “non ha avuto grandi costi materiali, ma un grande lavoro umano di ricerca minuziosa e attenta”.

Le parole dell’ex Senatore Franco Marini oggi Presidente del Comitato storico-scientifico del centenario della Grande guerra, hanno ricordato minuziosamente la prima guerra mondiale, con riferimenti storici e letterari sino alla filosofia, una grande lezione di umanità e di spirito di sacrificio impregnate nel discorso di un uomo, politico e sindacalista dinanzi a numerosi autorità politiche e militari. Sarà possibile visitare la mostra documentaria dedicata alle celebrazioni del Centenario della Grande Guerra sino al 30 settembre ed è attivo inoltre un servizio di visite guidate con l’assistenza del personale degli Archivi di Stato dal lunedì mattina al venerdì mattina negli orari 9,00 – 12,00, il martedì e giovedì negli orari 16,00 – 18,00, previa comunicazione all’indirizzo di posta elettronica: assunta.russo@interno.it.

Nel pomeriggio, l’appuntamento si è spostato doverosamente in Piazza Caduti, il luogo dove 71 anni fa 10 vigili urbani e 2 netturbini alle ore 9 e 30 furono brutalmente trucidati, per mano dei tedeschi. Qui sono state deposte delle corone d’alloro al monumento ai militari che hanno perso la vita e alla lapide che ricorda il sacrificio dei vigili e dei netturbini. Ricca di significato, alla cerimonia hanno partecipato l’ex senatore Marini, il Senatore Nicola Latorre, presidente della Commissione Difesa del Senato che ha ricordato la condizione dei due Marò, Salvatore Girone e Latorre Massimiliano auspicando che presto tornino in patria, il Presidente del Consiglio Regionale Onofrio Introna, il Sindaco di Barletta Pasquale Cascella, concludendosi con l’emozionante lettura, interpretata dall’attore Ermanno Rizzi, della lettera che il bersagliere barlettano Giuseppe Carli, inviò a suo padre il 14 maggio 1915, pochi giorni prima di prima di sacrificare la sua giovane vita, soli 19 anni sul fronte del Carso e che ha decorato la città di Barletta della prima medaglia d’oro al Valore Militare della Grande Guerra.

Una giornata dedicata alla memoria e alla storia: “L’onore ai 600 mila caduti è un dovere dello Stato e va fatto”, cosi’ ha concluso l’ex senatore Franco Marini.

Alessandra Bissanti

[nggallery id=921]

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here