Andria, frode dell’olio. Grumo (FI): «Tutelare la reputazione dei produttori onesti»

0
207

“Di questo Forza Italia e l’Amministrazione Comunale ne sono consapevoli. D’altronde, alla luce dell’operazione degli scorsi giorni, bene hanno fatto il Sindaco Giorgino e l’assessore Miscioscia ad intervenire pubblicamente per la salvaguardia dei nostri olivicoltori e delle nostre aziende agricole che fanno della qualità il loro punto di forza nei mercati italiani ed esteri.

A fronte di un danno d’immagine per l’intero territorio, il nostro compito è duplice. Da una lato dobbiamo affiancare quanti, con sacrifici e passione, esportano nel mondo da anni il nostro olio extravergine cultivar “Coratina” e dall’altro lato bisogna informare sempre di più i consumatori, concentrando l’attenzione sulle tante aziende di produttori olivicoli di cui Andria va fiera ed orgogliosa.

Del resto, facciamo presente alle distratte opposizioni che con delibera di giunta del luglio 2011, la Giunta ha approvato un atto di indirizzo con il quale consente all’Amministrazione Comunale di costituirsi parte civile nei procedimenti penali per reati di frode e sofisticazione che dovessero riguardare il settore della produzione e commercializzazione degli oli extravergini consumati e/o commercializzati sul nostro territorio comunale o che vedessero coinvolte anche aziende locali. 

Quindi la strada a tutela del buon nome della città e dell’economica dipesa dal nostro oro verde è stata già tracciata. Siamo certi che il lavoro dei nostri produttori olivicoli, affiancati da azioni costanti di promozione e pubblicità del nostro olio extravergine a cura dell’Amministrazione Comunale, cancellerà una piccola macchia che non può portare ad una criminalizzazione ingiusta, impropria e scorretta di una intera categoria”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here