Nessun evento estivo a Canosa di Puglia: non ci sono soldi, rammarico dell’Amministrazione

0
235

Ciò accade per molteplici ragioni- dice l’Assessore – : a partire dall’esplosione dei debiti fuori bilancio, rivenienti da contenziosi avviati in anni precedenti al 2012; per passare dalla riduzione delle somme che lo Stato trasferisce ai Comuni; per finire poi ad un maggiore fabbisogno relativo a settori vitali per la collettività quali i servizi sociali, la scuola e le opere pubbliche. Questa Amministrazione ha provato in tutti i modi ad arginare lo sbilancio, quando fin dal suo insediamento ha attuato una sua personale “spending review” che ha riguardato in prima istanza la stessa Giunta comunale che, per diverse ragioni, percepisce stipendio ridotto. Ha tagliato tutte le spese di rappresentanza non direttamente funzionali all’Ente, utilizzando i propri telefoni e le proprie auto per le attività istituzionali. Si è cercato di evitare qualsiasi spreco, anche in settori particolarmente delicati, raggiungendo risparmi considerevoli che, tuttavia, evidentemente non sono sufficienti a coprire il disavanzo creatosi. A questo punto, per non gravare ulteriormente sulle casse comunali e, di conseguenza, sui cittadini, sono stato costretto a prendere atto che non sarebbero state finanziate le consuete manifestazioni estive. Ne ho preso atto con grande rammarico, perché ancora fortemente convinto che in un periodo (come quello attuale) di grave disagio sociale creare dei momenti di aggregazione e di svago avrebbe avuto sicuramente effetti positivi sul morale della gente, allontanandola per qualche istante dai problemi della quotidianità, oltre che sulle attività commerciali, che da sempre hanno beneficiato, poco o tanto, dell’indotto assicurato dalle manifestazioni estive comunali.”.

In conclusione, “mi auguro che questa sia solo una triste parentesi nell’ormai lunga vicenda dell’Estate Canosina, chiusa la quale si potrà tornare ad aggregarsi con della buona musica o del teatro nelle piazze cittadine. Per quest’anno è andata così e di questo non posso che rammaricarmene personalmente con la Città!”.

Michele Noviello

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here