Barletta, il Comitato zona 167 porta avanti la sua battaglia: «Tutti i sogni verranno al pettine!»

0
109

“Siamo alle solite…ancora tentativi di strumentalizzazione dei cittadini della 167 che sono stanchi ma mai domi. Vogliamo ribadire ancora una volta che a noi le campagne elettorali non interessano, le diatribe interne ai partiti non ci appassionano, le lotte tra consiglieri regionali non sono gradite a queste latitudini- scrivono i referenti del Comitato- Una strumentalizzazione continua, appoggiata anche da mezzi di stampa locali che sulla questione ecocentro danno voce a tutti tranne che a quelli concretamente interessati, ovvero i cittadini e lo fanno schierandosi apertamente per una ipotesi che è quella più lontana dalle istanze dei cittadini.

Insultare il popolo della 167 è  diventato uno sport cittadino, per i politici: non ultimo il consigliere regionale  che ha definito cretina la posizione di un popolo di 3000 firme.

A noi non interessa ne l’appartenenza a questa o a quella forza politica, non ci interessa l’estrazione sociale, né l’orientamento religioso di chi mostra la sensibilità nel sostenere la protesta, anche topolino o batman e robin , anche il consigliere regionale che ha presentato una mozione, gli altri una fuga concordata. Vanno bene tutti purché orientati al sostegno della nostra civile protesta.

Siamo stanchi di sentire ancora parlare di discarica perché non lo è e lo sappiamo benissimo, siamo stanchi di sentire sciocchezze finalizzate solo alla banalizzazione della protesta, siamo stanchi di tentativi di coercizione del primo cittadino che viene tirato per la giacca a turno da tutti quelli che mostrano tutt’altro che l’interesse per la collettività della 167″.

L’atto d’accusa è rivolto a “tutti quei politicanti che si affannano a fare dichiarazioni dense di sciocchezze farebbero bene a fare un mea culpa e a chiedere scusa a quei cittadini della 167 quotidianamente discriminati e vessati per la mancanza dei servizi minimi necessari e che devono fare i conti con le urbanizzazioni che tardano sempre di più a vedersi realizzate, la questione rom sempre irrisolta, solo per citare le situazioni più urgenti. I nostri rappresentanti politici farebbero bene ad essere presenti ai consigli comunali, pagati con i soldi dei cittadini, anziché scappare difronte alle responsabilità, mostrando di pensare solo ed esclusivamente alle proprie sorti anziché a quelle della città.

Apprezziamo, altresì, al netto delle chiacchiere che da più parti si leggono, il Sindaco che ha avuto l’accortezza di considerare l’ipotesi dello spostamento incaricando i propri dirigenti ad un approfondimento scrupoloso e che presto inviteremo ad un incontro pubblico per informarci circa lo stato dell’arte della verifica in corso perché nella 167 tutti i sogni devono venire al pettine!”, concludono fiduciosi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here