Andria, sulla frode “Aliud pro Olio” Giorgino: «La qualità del nostro olio non va messa in discussione»

0
444

“Questa operazione, condotta egregiamente dalla Procura della Repubblica di Trani e dalla Guardia di Finanza di Andria, a cui vanno i miei ringraziamenti per il lavoro svolto – ha commentato l’avvocato Nicola Giorgino – dimostra che alta è l’attenzione sulle possibili frodi e che i controlli ci sono e funzionano. La notizia ha purtroppo creato un danno d’immagine alla città di Andria ed alla regione Puglia, ma nessuno si permetta di criminalizzare i nostri olivicoltori e le nostre aziende agricole che fanno della qualità il loro punto di forza nei mercati italiani ed esteri. Abbiamo il dovere di difendere la nostra produzione olivicola e gli interessi di una comunità che fa del suo ‘oro verde’ la propria bandiera”.

Anche l’assessore alle attività produttive e vice-presidente nazionale Città dell’Olio, dott. Benedetto Miscioscia ha difeso la produzione cittadina di olio ed ha dichiarato: “Andria è una delle realtà produttive tra le più importanti nel panorama olivicolo nazionale, caratterizzata da un territorio tra i più olivetati d’Europa e che non merita di essere screditata, considerato il livello qualitativo di un olio che non ha eguali come quello prodotto con le olive ‘coratina’. Un olio profumato, amaro, piccante, buono per la salute e, soprattutto, originale ed irripetibile. I consumatori non devono essere ingannati ma hanno anche il dovere di informarsi adeguatamente concentrando l’attenzione sulle aziende di produttori olivicoli di cui Andria va fiera”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here