Spinazzola, discarica Grottelline: anche Andria dice No

0
167

 

Anche Andria ci sarà alla manifestazione pubblica programmata per il giorno martedì 17 giugno alle ore 20,00 nel comune di Spinazzola, voluta dal sindaco contro “l’immondezzaio che rischia di compromettere ulteriormente il già fragile equilibrio ambientale nell’intero territorio interessato che va anche oltre quello della Provincia di Barletta Andria Trani, ormai al collasso nonostante gli ingenti investimenti nelle campagne di sensibilizzazione sociale”.

 

Andria ci sarà per dire NO alla discarica a Grottelline. Andria quindi vicina e accanto alla Comunità amica di Spinazzola e a quella dell’intera area interessata che non è assolutamente confinabile alla cerchia attorno a Grottelline ma che vede i suoi risvolti negativi invadere completamente un’enorme porzione di territorio che ne verrebbe diversamente interessata mettendo a serio rischio anche possibilità di sviluppo produttivo e turistico di un’area in fortissima crisi economica.

Andria dice No a Grottelline e lo fa con una Delegazione che partirà dalla città di Federico con a capo i rappresentanti della 4^ Consulta dell’Ambiente della città ed in particolare dei rappresentanti del Comitato Quartiere Europa. “Alla luce dell’importanza che riveste l’incontro pubblico, siamo certi che si uniranno rappresentanti del mondo associazionistico, del mondo sindacale e politico/amministrativo locale cittadino, provinciale e regionale con a capo i suoi numerosissimi rappresentanti che devono far sentire la propria voce ma anche la loro azione forte distinguibile e decisa, esattamente come sta facendo la Provincia Bat che sta analizzando in maniera attenta ed approfondita la documentazione per trovarsi ben preparata allorquando saranno richiesti i pareri e le autorizzazioni che spettano all’Ente, tenendo conto delle volontà del territorio che da tempo ribadisce la propria contrarietà alla nascita della discarica”.

 

Il Sindaco di Andria, anche nella sua qualità di Presidente dell’Ambito Territoriale Ottimale della Bat, ha affermato della mancanza di necessità di una nuova discarica ed ha invitato la Regione a rispettare la volontà della comunità locale.

Anche dal mondo delle imprese giungono consensi ed adesioni. Hanno cominciato gli ambulanti che hanno molto a cuore le vicende ambientali del territorio e soprattutto di quelle che riguardano il murgiano e la Basilicata ove sono concessionari di posteggi e sono convinti che la nascita di una discarica e comunque il deterioramento delle condizioni ambientali abbia sicure negative ripercussioni sull’’economia delle città e dei piccoli comuni già in forte decrescita abitativa, residenziale ed occupazionale.

E’’ partita dunque la macchina organizzativa, quindi la predisposizione di striscioni con slogan che sono significativi rispetto a quello che è accaduto in passato, che sta accadendo e che potrebbe ancora accadere.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here