Cartelle esattoriali Consorzio Terre d’Apulia, incontro con i sindacati: Ventola scrive alla Regione Puglia

0
228

“A seguito di numerose sollecitazioni di Comuni, Associazioni e Cittadini, ho provveduto a convocare un incontro con le Organizzazioni regionali del settore Agricolo. Tanto per un esame congiunto della situazione relativa alle cartelle esattoriali richiamate in oggetto che hanno scatenato iniziative di protesta con la discesa in piazza degli imprenditori agricoli.

All’incontro odierno sono stati presenti: la Federazione Regionale Coldiretti Puglia, la Confederazione Italiana Agricoltori Puglia, la Federazione Regionale degli Agricoltori di Puglia (Confagricoltura), la Confederazione Produttori Agricoli (Copagri), la Federazione Regionale Cooperative Agricole ed Agroalimentari Puglia (Confcooperative).

Ampio ed approfondito è stato l’esame che ha visto l’analisi ed il contributo di tutti i rappresentanti presenti di cui si richiamano di seguito e sinteticamente le determinazioni.

Premessa l’unanime e positiva considerazione sul ruolo dei Consorzi di Bonifica, quali organismi di autogoverno di conservazione e difesa del suolo e di tutela ed uso delle risorse idriche (prova ne sono quei Consorzi – es. quello di Capitanata – che offrono servizi a costi adeguati), gli stessi possono e devono essere rilanciati.

Ritenendo ingiusti ed errati gli avvisi di pagamenti relativi al tributo 630 Bonifica terreni e bonifica fabbricati 2014, emessi dalla concessionaria SOGET per il Consorzio Terre d’Apulia, in quanto non effettivamente commisurati al beneficio reale dei destinatari dei servizi resi dal Consorzio ed affatto sostenibili da parte degli stessi, colpiti, tra l’altro, da continue avversità climatiche e di mercato in una congiuntura difficile.

Si chiede che la Regione Puglia:

disponga un atto di indirizzo nei confronti del Consorzio di Bonifica Terre d’Apulia teso all’annullamento/sospensione in autotutela degli avvisi al fine di aprire un tavolo di supporto e verifica nei confronti del Consorzio affinché si proceda:

ad un censimento che accerti le ditte catastali effettivamente esistenti sul territorio;

alla elaborazione di un piano industriale di breve, medio e lungo periodo, per il quale tutti i presenti hanno espresso la piena disponibilità ad affiancare i tecnici del Consorzio e della Regione;

a stabilire limiti minimi e massimi nei quali operare, quanto agli indici utilizzati alla base dei calcoli, che tengano conto dei servizi effettivamente resi e dei benefici ricevuti, in ossequio al generale principio di sostenibilità del tributo.

Nel confermare la più ampia disponibilità di tutti i soggetti presenti, si confida in urgenti determinazioni della Regione Puglia che superino lo stato di confusione ed incertezza degli agricoltori in vista della scadenza a breve degli avvisi di pagamento pervenuti ai concittadini.”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here