Canosa di Puglia, grandinate di giugno: chiesto stato di calamità naturale

0
251

Il 15 – 17 e 18 giugno – ha dichiarato Leonardo Piscitelli, assessore all’Agricoltura – a causa di violenta grandinata e piogge alluvionali, si sono verificati notevoli danni alle colture e alle strutture agricole, in particolare si segnala il danneggiamento di circa 1.500 ettari dell’agro di Canosa di Puglia, con riferimento particolare alla frazione di Loconia, fino a giungere al confine con l’agro di Minervino Murge, Andria e l’agro di Lavello (PZ). I danni hanno riguardato la Produzione Lorda Vendibile (Plv) nello specifico pescheti, percocheti, vigneti di uva da vino e da tavola, fortemente compromessa la produzione di ortaggi, danni alle strutture e al frutto pendente con gravi ripercussione sulla produzione della prossima annata agraria. Il tutto per una perdita stimata del prodotto che va dal 30 al 90% , e per un danno economico stimato, per la produzione, pari a € 18.000.000. Inoltre, vi sono notevoli danni alla rete viaria dell’intero agro canosino. I danni stimati ammontano a circa 3 milioni di euro, ragion per cui si chiede il riconoscimento dello stato di calamità naturale. Gli Uffici competenti sono invitati ad eseguire i dovuti accertamenti e le verifiche relative alla grave situazione segnalata”.

Pertanto “tutti coloro che hanno subito danni ai frutti pendenti e alle strutture – si legge in un avviso pubblico – sono invitati a presentare, con immediatezza e comunque non oltre 30 giorni dall’avviso pubblicato il 20 giugno scorso (entro il 20 luglio), una apposita segnalazione presso l’Ufficio Agricoltura del Comune di Canosa di Puglia, con sede in via Falcone n. 134, mediante modulistica predisposta dall’ufficio e disponibile sul sito: http://suap.comune.canosa.bt.it. I titolari di terreni ricadenti nell’agro dei Comuni limitrofi, interessati dall’evento, devono presentare la segnalazione presso il Comune nel cui agro è ubicato il terreno”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here