Bisceglie, per Divina Provvidenza proroga di 90 giorni. Cozzoli: «Regioni facciano sentire la voce

0
127

Il Ministero ha fondato la sua decisione sulla base delle riscontrate oggettive difficoltà afferenti alle operazioni di ricostruzione dell’attivo e del passivo, nonché delle iniziative in corso, assunte dal Commissario Straordinario, aventi impatto rilevante ai fini della redazione del Programma.

“Il lavoro da fare sul fronte della razionalizzazione della spesa è ormai chiaro; tuttavia, attesa la quasi totale dipendenza della Congregazione, sul piano dei ricavi, dai sistemi sanitari pugliese e lucano, diventa essenziale che, nei prossimi giorni, la Regione Puglia e la Regione Basilicata facciano sentire la loro voce onde poter meglio valutare le concrete prospettive di risanamento, le prospettive di riconversione e la possibilità di definire le problematiche pendenti (come, ad esempio, la rideterminazione delle tariffe dovute per i pazienti ortofrenici).” Così l’avv. Bartolo Cozzoli, Commissario Straordinario della Congregazione Ancelle della Divina Provvidenza – Onlus Opera Don Uva.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here