Barletta, al via nuova fase Programma Integrato Rigenerazione Urbana (PIRU)

0
181

Si è infatti conclusa, con l’incontro di martedì al laboratorio Giovani Open Space la parte riguardante la consultazione pubblica aperta lo scorso 18 marzo da una prima riunione con i progettisti incaricati dall’operatore economico di presentare la proposta di rigenerazione costituita da interventi di “sostituzione edilizia” (con edifici residenziali a seguito della rimozione degli opifici dismessi esistenti) e la realizzazione di verde pubblico attrezzato, di una ludoteca pubblica adiacente all’asilo nido comunale e della nuova viabilità di collegamento.

Sulla scorta dei risultati acquisiti, e discussi nel nuovo incontro svoltosi presso il GOS – al quale hanno partecipato il Sindaco Cascella, l’Assessore Pelle, la Presidente del Consiglio Peschechera, i Consiglieri comunali Cannito, Damato, Dascoli, Doronzo, il Dirigente Di Bari, il responsabile del progetto ing. Bernardini e i progettisti della proposta – si è ritenuto di proporre un questionario più articolato sui cambiamenti che interverrebbero per la vivibilità cittadina, l’ambiente, la viabilità, la sicurezza e i servizi rispetto a quello già distribuito nel corso della prima iniziativa, con ulteriori approfondimenti sul merito, anche prevedendo anche la possibilità di esprimere particolari proposte sugli interventi da effettuare, in modo da ampliare la partecipazione dei cittadini alla definizione dello scenario pubblico e alle prospettive di sviluppo dell’area caratterizzata dalla “cittadella dello sport” (tra viale Dante Alighieri, via Gabriele D’Annunzio, viale Leonardo da Vinci e via Vittorio Veneto).

A tal fine, sul sito internet istituzionale del Comune sarà disponibile la documentazione specifica sul Programma Integrato di Rigenerazione Urbana in modo che il questionario possa essere consapevolmente compilato e trasmesso agli uffici competenti del Comune entro la fine di maggio.

Si avvia, così, la fase concertativa con i rappresentanti di tutte le Amministrazioni competenti per l’acquisizione dei necessari atti di consenso e la verifica delle possibilità di concordare il successivo accordo di programma per il quale è previsto un particolare assenso della Regione Puglia.

Le nuove osservazioni anche dei soggetti collettivi sulle azioni rigeneratrici da compiere con il PIRU saranno quindi oggetto di nuove valutazioni tecniche da parte degli uffici preposti sulla coerenza con le strategie di interesse generale per poi tornare all’attenzione del Consiglio comunale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here