Barletta, muore l’ultimo trabucco. Damiani: «La Provincia capofila dell’impegno a salvarlo»

0
179

 Come già accaduto in passato, ancora una volta l’assessore provinciale e consigliere comunale Dario Damiani torna a dolersi per l’incapacità di salvaguardare l’antico manufatto: “Non posso restare indifferente allo scempio culturale che si sta compiendo sotto i nostri occhi in queste ore, documentato fotogramma dopo fotogramma dai reportage pubblicati nei giorni scorsi dalla stampa locale, poiché con alcune associazioni del territorio da anni mi batto per ridare dignità al nostro trabucco. Già nel settembre del 2011, in seguito all’ordinanza di divieto di avvicinamento per ragioni di incolumità pubblica emanata dall’Ufficio Circondariale Marittimo, mi ero fatto promotore di iniziative dirette a sollecitare l’interessamento di enti istituzionali e privati cittadini.

Nonostante la disponibilità manifestata dalla Provincia di Barletta-Andria-Trani, pronta ad intervenire con un contributo economico per salvaguardare un monumento alle tradizioni locali come il trabucco, purtroppo il manufatto è rimasto vittima anche della sua ambigua natura giuridica. Si tratta infatti di un bene che insiste su un’area demaniale ma affidato in concessione a un soggetto privato, che negli anni non ha mai ottemperato alle richieste, pubbliche e private, di provvedere alla manutenzione del prezioso patrimonio storico.

Non mi rimane che rinnovare l’appello affinché tutti coloro che hanno a cuore il nostro trabucco si attivino per salvarlo dalla imminente distruzione definitiva: in quanto rappresentante dell’ente provinciale, posso assicurare la ferma volontà dell’Amministrazione della Provincia Bat, sebbene giunta al termine del suo mandato, di farsi carico della sua tutela impegnando le risorse finanziarie necessarie. E’ ancora possibile recuperare in parte il materiale originario e, con una buona opera di restauro e manutenzione, restituire alla città di Barletta un simbolo che non deve morire!”.

Foto: Nino Vinella-La Gazzetta dell’Archeologia

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here