Barletta, prima riunione Agrinsieme Bat: nuova riforma Pac, forte preoccupazione

0
147

Sono intervenuti il presidente di Cia Bat Felice Ardito, il vice presidente di Confagricoltura Bari/Bat Giacomo Patruno, il rappresentante di ConfCooperative Ba/Bat Vincenzo Patruno, il direttore di Cia Bat Nicola Cantatore e il vicedirettore di Confagricoltura Bari/Bat Gianni Porcelli. Erano inoltre presenti i presidenti Francesco Di Lillo (Barletta), Sergio Curci (Cia). Assente per impegni il rappresentante della Lega Coop Agroalimentare.

Nel corso dell’incontro si è analizzato l’impatto della Nuova Riforma Pac sul territorio provinciale e le relative ricadute in termini di reddito e di occupazione sul sistema agricolo locale.

Il coordinamento, considerate le colture di pregio presenti quali l’olivicoltura, l’ortofrutta, la vitivinicoltura e cerealicoltura e l’importanza che le stesse rappresentano nella realtà della Provincia Barletta Andria Trani, ha espresso forti preoccupazioni sull’incidenza che le scelte delegate allo stato membro avranno sul sistema agricolo locale.

In questo contesto la posizione della Regione Puglia gioca un ruolo fondamentale anche considerato l’alto livello di rappresentanza nella conferenza Stato-Regioni, pur nella consapevolezza che la Regione Puglia sta facendo quanto necessario per preservare le colture storiche del nostro areale.

Le preoccupazioni emerse anche nel corso del recente convegno regionale organizzato da Agrinsieme e approfondite nel corso della riunione riguardano la concreta possibilità di forti ripercussioni in termini di tagli agli aiuti che potrebbe interessare, in particolare, il settore olivicolo.

Il coordinamento ha programmato delle iniziative sindacali sul territorio al fine di informare le imprese agricole sulla nuova riforma e sulle attuali ipotesi di impatto che circolano in queste ore.

A conclusione, si è deciso di svolgere un’iniziativa provinciale nel corso della quale sarà consegnato alla Regione ed alle forze politiche del territorio un documento elaborato dal coordinamento provinciale frutto della concertazione con la base associativa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here