Barletta, già dissestata strada sottovia Callano. Centrodestra denuncia: «Spreco di soldi dei cittadini»

0
175

“Solo la scorsa settimana abbiamo depositato una interrogazione urgente al Sindaco per denunciare lo stato di degrado e abbandono di alcune strade della nostra città, nei giorni seguenti numerose sono state le sollecitazioni che ci sono giunte dai cittadini per segnalarci altre importanti arterie che versano in uno stato di pericolo ed anche di difficile percorribilità”, dichiara il capogruppo di Forza Italia Dario Damiani.

“Tra queste ci preme evidenziare lo stato di una strada appena aperta al traffico da pochi mesi e già oggetto di numerosi avvallamenti e buche che rendono la circolazione stradale pericolosa e difficile con il rischio che i danni per le autovetture vengano successivamente pagati dal Comune.

Ci preme evidenziare in questa nota comune delle forze politiche di centro destra, lo stato della nuova strada cosiddetta “sottovia Callano” nel tratto tra via Andria complanare SS 16 bis e Via Trani. Da un sopralluogo che abbiamo effettuato con il collega Presidente della Commissione Consiliare Lavori Pubblici Flavio Basile e che qui documentiamo con fotografie emerge in tutta la sua crudeltà lo stato del manto stradale appena inaugurato che necessita immediatamente di lavori di risanamento. A tal proposito ci chiediamo come mai la strada versa oggi in quelle condizioni pietose e se i lavori effettuati sono stati eseguiti a regola d’arte, controllati e verificati dagli uffici preposti prima della consegna.

In conclusione chiediamo ancora una volta un immediato intervento dell’Amministrazione comunale per risanare questa situazione anche in danno dell’azienda che ha effettuato i lavori, i soldi che i cittadini pagano di tasse alla città vanno spesi bene e con parsimonia.

Noi consiglieri comunali di centro destra continueremo a vigilare e controllare con sopralluoghi la situazione della nostra città”.

 [nggallery id=901]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here