Minervino Murge, trasporti S.T.P. Pdci denuncia: «Servizio inadeguato»

1
309

“Abbiamo appreso dalle ultime notizie di stampa, relative al bilancio S.T.P., che emergono risultati positivi con  360 mila euro di utili risultanti dal bilancio del 2013. Ma se i risultati in termini amministrativi sono positivi, quelli in termini di qualità del servizio non lo sono altrettanto”, scrive Sassi.

“Nelle piccole realtà come Minervino registriamo da molti anni giusti malumori tra i pendolari. Basta provare a prendere la corsa mattutina delle 7:10 che ha come prima destinazione Andria e come ultima Bari, per rendersi conto che la situazione non è delle migliori. Infatti fare l’intero viaggio in piedi è abbastanza probabile. Non solo. L’S.t.p. dovrebbe, tra le altre cose, garantire collegamenti rapidi con il capoluogo. Invece esistono solo 2 corse dirette, alle 6:20 e alle 7:30. La corsa delle 7:30 rischiava di essere soppressa, ma poi è stata riciclata nella calza della befana e ripristinata dopo le festività natalizie con annesse pretese di meriti da parte dei potenti locali. Per coloro che vogliono andare a Bari e non possono prendere le corse dirette, ci sono le corse che arrivano a Bari dopo un’interminabile giro di due ore e mezza tra Andria,Trani,Bisceglie,Molfetta,Giovinazzo e finalmente la meta sperata: Bari appunto.

Ma , se questi sono molto brevemente i problemi per raggiungere località come Bari e Andria, difficoltà notevoli le incontrano coloro che vogliono raggiungere Minervino proprio dalle altre città a causa delle poche corse disponibili (per altro, molte delle quali concentrate in alcune fasce orarie per il numero notevole dell’utenza), da Bari (solo 6,di cui 2 dirette),e da Andria(12, 3 delle quali concentrate intorno alle 13,30  e 2 alle 14:10 per il ritorno di lavoratori e studenti),i cui orari,peraltro,sono mal distribuiti portando a difficoltà enormi soprattutto nella fascia oraria pomeridiana. Oggetto di altrettante giuste lamentele sono i mezzi di trasporto vecchi e carenti che in più di un occasione hanno persino lasciato a piedi studenti e lavoratori pendolari. Allo stesso modo, non è più accettabile per la città l’assenza di un benché minimo collegamento domenicale con gli altri centri della provincia.

Negli anni abbiamo registrato più volte l’ aumento del costo di biglietto e abbonamenti a fronte di nessun significativo miglioramento del servizio per i pendolari minervinesi, i quali, essendo per lo più lavoratori e studenti, garantiscono un introito mensile costante per l’azienda.

Sulla base degli utili registrati e attraverso una ridefinizione delle corse in favore delle città minori, la sezione del Partito dei Comunisti Italiani di Minervino Murge chiede che l’intero servizio di trasporti extraurbano, gestito da un’azienda a controllo pubblico, venga ripensato e che finalmente anche Minervino, come del resto Spinazzola, possa fruire di un servizio adeguato”, conclude la nota.

1 COMMENTO

  1. Pienamente d’accordo con questo articolo e provo questa esperienza a dir poco scandalosa ogni mattina, dove sono costretto a raggiungere la prima fermata del pullman che si trova nella zona di Minervino opposta a casa mia… Tutto questo solo per prendermi il posto ed evitare di restare come molti miei coetanei in piedi per tutto il viaggio…. Purtroppo c’è solamente l’stp e dobbiamo accontentarci

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here